Ong francese carica altri 81 clandestini: oltre 400 pronti a sbarcare in Italia se non si vota

Condividi!

La risposta di Salvini:

E così salgono ad oltre 400 i clandestini prelevati nel Mediterraneo e ora a bordo delle navi Open Arms e Ocean Viking che stanno assediando l’Italia come squali famelici.

Sia alla Open Arms che alla Ocean Viking, la nave di Sos Mediterranee e Medici Senza Frontiere, è stato già notificato il divieto d’ingresso nelle acque territoriali italiane.

Ma i catalani esigono un porto italiano. A Malta infatti, che si era detta disponibile ad accogliere i 39 clandestini caricati la scorsa notte, la Open Arms ha risposto picche: ha rifiutato, preferisce scaricarli in Italia.

La Ocean Viking intanto, che il giorno precedente aveva prelevato su appuntamento 85 clandestini, ieri ne ha raccattati altri 80 sempre su un gommone a largo della Libia. E oggi nuovo carico.

Il governo italiano ha inviato una nota verbale all’ambasciata della Norvegia in cui si sottolinea che l’Italia “non ha in alcun momento assunto il coordinamento delle operazioni di soccorso” e, in ogni caso il recupero dei migranti è avvenuto “ben al di fuori della zona di responsabilità italiana”. Per questo “non può in alcun modo essere attribuita alle autorità italiane la responsabilità d’individuazione del porto di sbarco”.

In pochi giorni di presenza ‘umanitaria’ gli scafisti, fino ad ora quasi assenti, si sono scatenati. E’ evidente: le Ong fanno parte del piano di destabilizzazione dell’Italia.

E’ evidente che le ong sono parte di un disegno più ampio di africanizzazione del continente portato avanti dai governi fantoccio di Francia e Germania. E che questo piano aveva e ha al centro l’Italia come punto di sbarco.

Poi è arrivato Salvini. Se non si vota, riapriranno i porti.




Un pensiero su “Ong francese carica altri 81 clandestini: oltre 400 pronti a sbarcare in Italia se non si vota”

  1. Scusate ma non capisco più niente .
    Ma loro hanno un altro codice di navigazione ? Non mi sembra che esistano regole che permettano a vecchi AHTS di andare in mare a fare da trasporto passeggeri , perché è di questo che stiamo interrogando , Quelli non sono salvatori e quei altri non sono Naufraghi , non esistono licenze per questo genere di servizio . sono trasbordati da galleggiante a carretta del mare , la carrettaha una bandiera , quella è terra di chi ha dato la bandiera , quella è la legge di chi ha permesso la bandiera . Al arrivo di una nave di una nazione deve essere avvisata il consolato più vicino della nazione che batte la bandiera sulla nave . pertanto al console si prenda i suoi grattacapi o che consigli alla nave altro approdo . Caro Matteo responsabilizza Consolati e Ambasciate , e che se solo 1 scappa paghi l’ambasciatore , Ma che quattro stronzi di comunisti vengano dopo le stragi e le corruzioni , e le banche fallite e depredate ancora a dettare legge in terra Italica , io che non mi sento italiano e che non lo sono ,ma sono Triestino ; questo mi fa schiffo.

Lascia un commento