Immigrato stupra figlie dei vicini di 10 anni: “Se lo dite vi ammazzo”

Condividi!

Orrore a Crema. In cella un operaio 29enne immigrato di etnia indiana. E’ stato inchiodato dal filmato ripreso durante una delle violenze consumate in garage. Ieri totale embargo sull’etnia dello stupratore.

Due le piccole vittime, entrambe hanno meno di 10 anni: i fatti in un caseggiato della periferia cittadina. A stuprare le bambine il tipico immigrato che lavora e paga le tasse. Capito, Salvini?

VERIFICA LA NOTIZIA
Nella giornata di ieri, al termine di un’accurata indagine della Squadra Mobile e dal Commissariato di Pubblica Sicurezza di Crema, è stato rintracciato e tratto in arresto il ventinovenne perché ritenuto responsabile di violenza sessuale aggravata su minore. L’indagine, partita dalla denuncia dei genitori di una delle vittime nel febbraio scorso, ha consentito di raccogliere una serie di elementi di prova che sono stati riepilogati in una corposa informativa di reato prodotta dagli inquirenti al Sostituto Procuratore della Repubblica di Cremona, Milda Milli, titolare del fascicolo processuale, che ha disposto l’audizione protetta della minore e la perquisizione dell’abitazione dell’uomo a cura del personale della Squadra Mobile della Questura di Cremona.

Nel corso della perlustrazione è stato rinvenuto e sequestrato un telefono cellulare. L’analisi del dispositivo ha consentito di trovare un file video registrato dall’arrestato nel quale si vede lo stesso mentre soddisfa le sue insane pulsioni sessuali con una bambina di dieci anni. Gli accertamenti effettuati successivamente dal Commissariato di Pubblica Sicurezza di Crema hanno consentito di identificare la minore ripresa nel filmato e di accertare anche che il soggetto poi tratto in arresto si era reso protagonista di un episodio analogo ai danni di un’altra bambina. L’uomo, approfittando del fatto che le sue vittime lo conoscevano perché vicine di casa e dell’assenza momentanea dei genitori, le attirava con uno stratagemma nella sua abitazione dove le violentava minacciandole di morte nel caso in cui avessero rivelato l’accaduto. Sulla base delle risultanze prodotte e del chiaro quadro accusatorio, il pubblico ministero Milda Milli ha richiesto al Gip l’emissione della misura cautelare poi eseguita. Al termine delle formalità di rito l’uomo è stato tradotto presso la casa circondariale di Cremona a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Lo chiama «orco» quel giovane indiano che con la scusa di giocare, attirava in garage la figlia dei vicini di casa: una bimba di 8 anni. E lì, «da alcuni mesi e per svariate volte», la toccava e poi ricattava. «Un orco», per Antonino Andronico, l’avvocato dei genitori della bimba, che tra febbraio e marzo ha presentato al commissariato di Crema la denuncia, dalla quale è nata l’indagine che due giorni fa ha portato in carcere l’indiano di 29 anni, ex macellaio. Il pm, Milda Milli, gli contesta la violenza sessuale aggravata su due minori. Perché «quelle cose», si scoprirà, le avrebbe fatte anche con un’altra bambina anche lei sotto i dieci anni d’età. Due vittime spaventate e ricattate: «Non dite niente o vi ammazzo».
L’obbrobrio è venuto fuori per caso. La bambina aveva perso il telefonino in casa. Era finito dietro ad un mobile. Lo hanno trovato i genitori che lo hanno acceso e scoperto messaggi shock. Il padre ha immediatamente affrontato l’indiano, poi lo ha denunciato. Un giorno, gli agenti della squadra mobile di Cremona si sono presentati per perquisirgli la casa e gli hanno sequestrato il telefonino. Dentro, c’era un video: conteneva la registrazione, in diretta, degli abusi alle bambine. Da quel giorno, ha lasciato la casa dei genitori. Vi tornava ogni tanto per pigliarsi gli abiti. E quando tornava «guardava con fare minaccioso, mafioso, i miei assistiti».




6 pensieri su “Immigrato stupra figlie dei vicini di 10 anni: “Se lo dite vi ammazzo””

  1. Sexual violence on girls close to home, arrested – Lombardy

    ansa it / lombardy / news / 2019/08/10 / violence-sexual-on-bimbe-arrested_265da088-edfc-4e83-bf69-04230837d30c

    BUT antifa ANSA (democratic party media network satellite TV) DOES NOT SAY THAT IT IS AN IMMIGRANT

    Cream horror. A 29-year-old ethnic immigrant worker is in the cell

    Indiana. It was nailed by the footage taken during one of the

    violence consumed in the garage. Yesterday total embargo on the ethnicity of the

    rapist.

  2. di Israele il Re lorenzoJHWH • worldisraelnews com/mystery-surrounds-epsteins-death-but-abuse-investigation-carries-on/

    land of BANANA moon the donkey masons consociativismo #Soros Pd (democratic party) #italia #Ue #Anticrito Ursula Von Hitler Rothschild? it’s no
    man’s land! they face private Islamic armies! BRESCIA, 11 AUGUST – Maxi brawl between rival gangs yesterday
    evening in a public park in the Badia district of Brescia. the protagonist is fifty 20 year olds and 30
    year olds of Pakistani origins. The comparison had been scheduled for
    days. Five people are arrested while the others are
    escaped when the police arrived. Among the wounded, the most serious is a young man shot in the arm with a crafted halberd.
    from fighting techniques: they must have been enrolled by the Nigerian mafia, for drug dealing, theft, lace and prostitution

    itaGlia
    di asini massoni consociativismo soros Pd (partito democratico) #italia
    #Ue #Anticrito Ursula Von Hitler Rothschild? è terra di nessuno! si
    affrontano eserciti islamici privati! BRESCIA, 11 AGO – Maxi rissa tra
    bande rivali ieri
    sera in un parco pubblico del quartiere Badia a
    Brescia. protagonista una cinquantina di 20enni e 30enni di origini:
    pakistane. Il confronto era stato programmato da giorni. Cinque le
    persone arrestate mentre le altre sono
    scappate al momento
    dell’arrivo delle forze dell’ordine. Tra i feriti il più grave è un
    giovane colpito ad un braccio con un’alabarda artigianale.
    dalle
    tecniche di combattimento: devono essere stati arruolati dalla mafia
    nigeriana, per spaccio droga, furti, pizzo e prostituzione

Lascia un commento