Se nasce un governo Pd-M5s-FI, sarà rivolta armata

Condividi!

Qualcuno sembra non capire cosa accadrebbe in Italia se nascesse un governo Pd-M5s-FI. Che poi è l’unica ipotesi numerica fattibile per chi è terrorizzato di scomparire alle elezioni, che paiono comunque imminenti.

Lo ricordate, Traini, signori? Bene. Immaginate un governo che avesse una maggioranza in Parlamento e non nel Paese, una sorta di riproposizione degli ultimi governi abusivi Pd, con un ministro stile Alfano che riapre i porti, che magari propone lo ius soli: beh, a quel punto la rivolta sarebbe armata. Perché l’80 per cento della popolazione non tollererebbe di essere governata – in realtà molestata – da una minoranza di politicanti attaccati alla poltrona. Sarebbe impossibile trattenere la rabbia popolare: nemmeno Salvini potrebbe. E Vox fare appelli come fa, sempre, alla non violenza, nessuno ascolterebbe. La folla, oltre un certo punto, non è più controllabile.

In un certo senso, chi volesse una vera rivoluzione sovranista, che vada anche molto oltre Salvini, potrebbe anche vedere con favore la nascita di un tale osceno governo, che non farebbe altro che precipitare una situazione già in fase di caduta: gli scenari sarebbero davvero imprevedibili.

Salvini ormai è l’uomo del destino. E se togliete agli italiani l’uomo del destino, quello che già oggi circa il 50 per cento vuole votare, otterrete una reazione senza precedenti.

Certo, la disperazione fa prendere decisioni disperate, e sbagliate. Ve lo immaginate un governo Grillo-Berlusconi-Zingaretti? Dai, fatelo. E poi chiudetevi nel bunker, perché vi verremmo a prendere.

Avete due scelte: o un governo sovranista, o una rivoluzione sovranista. Il primo caso è pacifico.




11 pensieri su “Se nasce un governo Pd-M5s-FI, sarà rivolta armata”

  1. Ma quale rivolta armata: in Francia è un anno che protestano inutilmente…
    Per una stupida Tav (progetto militare americano tra l’altro per portare i carri fino a Mosca) adesso arriva Cottarelli ma se siamo fortunati la Fornero. Bravo Salvini, proprio bravo

  2. Ma noo dai, FI non si mette con il pd e i 5 stelle. Vorrebbe stare con Salvini ma lui non lo vuole. Se non ci saranno brogli elettorali vincerà la lega e per prevenirli bisogna almeno scambiare le famigerate matite con penne indelebili. Voi direte ci sono altri modi per fregare, giusto, ma intanto eliminiamo questo pericolo.

  3. Più che una rivolta armata io sarei per un “liberi tutti”: la rivolta ha bisogno di organizzatori, strutture; tutte cose che si possono attaccare per indebolire l’inerzia. Se tutti fossimo comunque d’accordo per fare danni e iniziassimo a farne indipendentemente non sarebbero in grado di tappare tutti i buchi della diga.

  4. siamo proprio sicuro che il popolo italiano insorgerà nel caso di un governo PD/M5S/FI? Abbiamo già visto la reazione nel 2011 quando venne defenestrato Berlusconi e arrivò Monti con le sua cura di cavallo che portò solo danni al paese: nessuno, dico nessuno, insorse o protestò!

  5. Eh infatti ho seri dubbi che gli italiani insorgeranno contro un governo tecnico o contro qualsiasi altro sopruso. Comunque se la settimana prossima viene Mattarella a Genova vado a gridargli di tutto, una piccola soddisfazione, davvero piccola.

Lascia un commento