Immigrati comprano case per fare business con l’immigrazione

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Durante una operazione della polizia di Stato, al fine di contrastare il fenomeno dell’immigrazione clandestina, il personale dell’Ufficio Immigrazione, sezione rifugiati, ha disposto ed eseguito un’ispezione in una casa della zona di via Martiri di Belfiore, di proprietà di un cittadino pakistano. Quest’ultimo, secondo questa ricostruzione dei fatti, avrebbe dichiarato di ospitare qui profughi richiedenti asilo e protezione internazionale. Il numero degli ospiti dichiarati, però, sarebbe stato di gran lunga superiore a quello massimo stabilito dalla legge in relazione alle dimensioni dell’immobile.

Immigrati si comprano le case degli italiani: ci stanno buttando fuori da casa nostra

Identificati in tutto cinque cittadini pakistani, due dei quali sottoposti ai rilievi delle impronte digitali. Secondo le contestazioni della polizia, sono state accertate e documentate dalla polizia scientifica le condizioni strutturali altamente instabili dell’immobile: il pianoterra sarebbe stato fatiscente, con impianto elettrico non a norma, sprovvisto di allacciamento diretto del gas. La cucina, secondo le contestazioni, era munita di un bombolone portatile agganciato all’utenza tramite un tubo in plastica, analogo a quelli utilizzati per irrigare i giardini. Non solo: il piano superiore sarebbe stato pericolante, con copertura del tetto precaria.

Alla luce di tutto questo, il personale di polizia ha richiesto l’intervento sul posto anche di una squadra di vigili del fuoco, che ha provveduto a interrompere l’erogazione dell’energia elettrica e a mettere in sicurezza la situazione anche sotto gli altri punti di vista, in attesa di interventi strutturali.

“Questo tipo di operazione – spiega la nota stampa della questura – ha lo scopo di scoprire e fermare il traffico delle ospitalità fittizie, per porre un freno concreto all’immigrazione irregolare, sanzionando tutte quelle situazioni domiciliari di comodo che vengono prodotte solo per richiedere il rinnovo del permesso di soggiorno. D’altro canto, segnalare quelle situazioni abitative pericolose offerte da proprietari compiacenti scongiurando rischi per l’incolumità individuale e per la salute e sicurezza pubblica”.




Un pensiero su “Immigrati comprano case per fare business con l’immigrazione”

Lascia un commento