Ex capo servizi tedeschi accusa ONG: “Servizio navetta per clandestini”, non esclude contatti scafisti

Condividi!

“Le Ong fanno parte del modello di business dei trafficanti di esseri umani”. Così Hans-Georg Maaßen, dal 2012 al 2018 alla guida dei servizi segreti tedeschi, fino al ‘licenziamento’ dopo avere smentito la Merkel sull’emergenza immigrazione:

VERIFICA LA NOTIZIA

Merkel nomina un turco a capo dei servizi segreti tedeschi

Lo scontro riguardo le proteste popolari contro gli immigrati a Chemnitz, dopo il brutale omicidio di un ragazzo locale da parte di sedicenti profughi.

Negli ultimi giorni il suo nome è tornato alla ribalta in Italia dopo la pubblicazione da parte di Vox del suo intervento sulla questione delle ong:

Ex capo servizi tedeschi accusa Sea Watch: “A bordo c’era tv tedesca, attacco preparato contro l’Italia”

Ora, Hans-Georg Maaßen, in un’intervista al Giornale si rifiuta di smentire legami tra Ong e scafisti. Non può rivelare quanto sa come ex capo dei servizi segreti, sarebbe un reato. Ma questo non negare è giù un’evidente ammissione.

“Le Ong agiscono con uno zelo religioso quasi fanatico e altre Ong che guadagnano denaro con esso – e alcuni singoli paesi europei segretamente sono soddisfatti della destabilizzazione dell’Europa.

“La loro priorità principale sembra essere il loro zelo religioso quasi fanatico nel traffico di migranti verso l’Europa. I migranti stessi non sono la cosa più importante per questi pericolosi fanatici; sono solo i mezzi per presentare al mondo e a se stessi la loro superiorità morale. Tuttavia, ci sono certamente anche Ong che guadagnano soldi con le loro azioni. Se le Ong si interessassero davvero solo alle missioni di salvataggio in mare, non porterebbero quei migranti sulle coste europee in quanto i porti sicuri più vicini, dopo queste ”missioni di salvataggio in mare”, si trovano lungo la costa nordafricana in Tunisia, Algeria e Marocco. Paesi in cui ai tedeschi piace trascorrere le loro vacanze”.

“Non posso confermare l’esistenza di una cooperazione premeditata tra Ong e trafficanti. Indipendentemente da ciò, fanno parte del modello di business dei trafficanti in quanto stanno raccogliendo i migranti quasi come un servizio navetta in mezzo al mare aperto dove sono stati abbandonati dagli stessi trafficanti in barche non sicure”.

“Dal mio punto di vista personale, la migrazione attraverso il Mar Mediterraneo dovrebbe essere immediatamente fermata. Per raggiungere questo obiettivo, è necessario impedire in primo luogo alle barche di lasciare le coste e i porti del Nord Africa, per riportare le imbarcazioni con i migranti dal Mar Mediterraneo verso il Nord Africa o altri paesi non europei e condurre in modo deciso una dura lotta contro la tratta. Siamo stati in grado di sfidare congiuntamente con successo i pirati nel Corno Africa adottando misure solide. Ora dobbiamo rompere la spina dorsale della tratta di esseri umani al fine di fermare il traffico di esseri umani”.

In Europa, la maggioranza della popolazione è contraria alle “frontiere aperte” e all’immigrazione di massa. Qual è la sua posizione in merito?

Condivido l’opinione della maggioranza della popolazione europea. Sono sempre stato a favore della lotta alla migrazione di massa con tutti gli strumenti necessari e disponibili dei sistemi legali nei nostri paesi.




Lascia un commento