Parroco contro Bergoglio: “Prima gli italiani, troppo buonismo nella Chiesa”

Condividi!

”Di questo passo saranno gli italiani a doversi integrare. Anche nella Chiesa ci sta troppo buonismo, bisogna svegliarsi”.

VERIFICA LA NOTIZIA

La pensava così, Don Marco Simone, parroco al Libertà di Bari, il  quartiere del capoluogo pugliese col maggior numero di immigrati, intervistato tempo fa da un giornale cattolico.

”Il problema non è la Puglia, ma tutto il Paese e l’Europa. Penso che dobbiamo svegliarci e darci velocemente una mossa. Rendiamoci conto che abbiamo fatto entrare troppa gente e che ancora ne entra e questo genera problemi. Di questo passo, saremo noi italiani a doverci integrare. Lo vedo nella mia realtà nella quale poco alla volta gli immigrati  crescono ogni giorno e  la sera spesso si ha paura a rincasare”.

”E’ arrivato il momento di dire basta al buonismo che non è sempre condivisibile. I gesti di lavare i piedi ai musulmani o di portare in Italia da Lesbos islamici hanno creato confusione. Per fortuna  oggi anche qualche teologo si è svegliato e parla. Gran parte del mondo islamico si sta rivoltando contro di noi e non è sbagliato dire che è in atto una offensiva contro i  principi occidentali.  I loro valori sono incompatibili con i nostri”.

“Certamente la carità non ha confini ed è aperta a tutti, senza distinzioni di razza, censo, etnia. Però ricordo che la carità parte dai vicini per arrivare ai lontani e nel farla abbiamo il dovere di pensare prima a chi è accanto a noi. Io ospito nella parrocchia alcuni detenuti baresi in licenza premio o di tanto in tanto qualche italiano sfrattato. Ho provato  con i migranti e gli africani e devo dire che i risultati sono stati  negativi: coperte rubate, di notte un via vai di gente strana, donne comprese, qualcuno che ha orinato sulle scale o dietro l’ angolo della Chiesa.  Ogni giorno sulle scale della parrocchia ci sono extracomunitari che chiedono l’ elemosina in denaro, ma se gli dai da mangiare lo rifiutano”.

”Alcuni sono ossessionati dalla tradizione, però mi domando: chi ha davvero fame, mangia e non mi pare, visto che arrivano come si racconta per disperazione, che nei loro paesi hanno molto di meglio. Lo ripeto: dobbiamo cambiare passo e la politica svolgere il suo ruolo”.




3 pensieri su “Parroco contro Bergoglio: “Prima gli italiani, troppo buonismo nella Chiesa””

  1. Giusto Don, è ora di svegliarsi. Bisogna tornare alle antiche tradizioni quando ci parlavate degli assassini di nostro Signore e suonavate la campana per avvisare il popolo dei Saraceni in arrivo.
    Altrimenti non servite a niente e per questo chiunque vinca sarete eliminati. Da loro perchè non avete le chiappe all’aria e da noi perchè siete dei traditori.

    1. Dimenticavo, la mattina del “primo giorno” cercherete di fermare noi – rendendovi conto che non è cosa al pomeriggio cercherete di fermare loro. Sarò felice di regalargli dei fiammiferi per quando vi metteranno in pentola.

  2. Giusto!
    L’odioso fotografo dei Benetton una volta tanto ne ha fatta una giusta, ne ha detto di cotte e di crude al clero, riguardo, soprattutto, la pedofilia e alle loro abitudini sessuali discutibili. Inoltre ha lanciato anatemi sull’ultimo papa defunto, il quale avrebbe consigliato a gli africani di non utilizzare precauzioni favorendo così le malattie a trasmissione sessuale mortali( evvai!!)
    Il giudice lo ha obbligato a pagare una lieve multa.

Lascia un commento