L’invasione degli scrocconi: solo il 5% degli immigrati viene in Italia a lavorare

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
E’ un’immigrazione di parassiti, nel senso etimologico del termine: entità che non producono ma che drenano risorse dall’ospite. Che lavora per loro.

E’ questo che sta accadendo in Italia.

Nell’ultimo anno, infatti, i permessi di soggiorno rilasciati sono stati 239mila, e quasi tutti per ricongiungimento familiare o richiedenti asilo. Mentre solo 14mila sono stati i permessi di lavoro, il 40,5% dei quali era costituito da lavoratori stagionali mentre appena il 10,6% è dato da lavoratori altamente qualificati.

Questo significa che meno della metà dei 30mila posti messi a disposizione dal governo sono stati sfruttati. E che poco più del 5% degli immigrati viene in Italia a lavorare. Quindi: perché li facciamo entrare? A cosa diavolo servono?

In pratica: gli immigrati, in Italia, vengono a farsi mantenere, non a lavorare.

E questo è un processo che sta andando avanti da anni. Tanto che, ora, il rapporto costi-benefici dell’immigrazione in Italia e’ totalmente squilibrato sui costi.

Gli immigrati in Italia sono, ad oggi, oltre 5 milioni. Escluso il milione di irregolari, che non avendo il permesso di soggiorno, in quanto clandestini, non pagano i contributi.

Non che i regolari li paghino:

VERIFICA LA NOTIZIA

La maggior parte degli immigrati non lavora. E’ la componente formata dai familiari a carico.

Quindi per ragioni di eta’, o perche’ troppo giovani, o perche’ troppo anziani, che non lavorano, pesando pero’ sul nostro welfare. E’ l’errore di permettere gli ingressi per ricongiungimento familiare. In Francia, questa politica, ha completamente mutato il panorama etnico del Paese. Stiamo facendo lo stesso errore.

E poi, ovviamente, ci sono disoccupati o gente che risulta disoccupata e che lavora in nero. Di conseguenza, andando a vedere nel dettaglio, solo una parte minoritaria degli immigrati ha un posto di lavoro regolare e contribuisce veramente alla ricchezza del Paese.

Ta gli immigrati il tasso di occupazione è pari a 57,8%: significa che il 42,2% vive alle nostre spalle. Un dato incredibilmente alto per chi dovrebbe essere qui a ‘pagarci le pensioni’.

Come non ce la pagheranno gli oltre 100mila che, ancora, vivono in centri di accoglienza a spese nostre. Erano 200mila al tempo del PD.

Uno dei punti da riformare è quello dei ricongiungimenti: importiamo fancazzisti che vanno a creare un esercito di disadattati per future banlieus. Se proprio abbiamo bisogno di immigrati che lavorano – pochissimi – allora facciamo entrare solo quelli, non le nonne e i nipoti: perché altrimenti è immigrazione di ripopolamento. Di sostituzione etnica.




Vox

9 pensieri su “L’invasione degli scrocconi: solo il 5% degli immigrati viene in Italia a lavorare”

  1. Il primo grande, grandissimo problema é : COME RIMPATRIARE QUESTA MERDAGLIA SUBUMANA ?
    1) Le forze “progressiste” degli accoglioni fanno e farebbero di tutto per impedirlo. (magistrati, politici di sinistra, UE etc.., chi piu’ ne ha piu’ ne metta)
    2) I paesi d’origine fanno i furbi e non li riprendono con la scusa che non hanno i documenti. A Parigi 10 anni fà c’erano piu’ di 200.000 sans papiers del Mali e il Mali inventava tutte le scuse per non riprenderli e li considerava un “indennizzo per i danni del colonialismo” stronzate fiorite ma siccome la Francia alla fine é messa come noi con rinnegati che la governano e senzapalle cagasotto nei posti di comando, silenzio….. Non so com’é oggi ma la situazione sarà di certo peggiorata. In Sierra Leone sono arrivati al punto che la polizia dell’aereoporto ha menato i poliziotti francesi che accompagnavano gli espulsi. Risultato ? Medaglia per i poliziotti menati ed é finita li.
    3) Voglio vedere come si fa a mettere su un aereo qualche centinaia di negri decisi a tutto pur di non farsi rimpatraire. Hai voglia sedarli, e li capisco anche, vivono a sbafo e/o facendo guadagni milionari vendendo l’eroina gialla, ma quelli se mai ce ne fosse bisogno reagiscono con le armi ! Son da prendere e mettere al muro o bisogna fare come Israele, portarli in Uganda e abbandonarli là.

    Ancora siamo messi conle ong che ci portano i barboni ? Ancora abbiamo le navi della guardia costiera di sta minchia che li va a prendere in acque territoriali maltesi ?
    E’ un bel pasticcio.

    1. Il rimpatrio non è previsto. La guerra civile fa parte del programma evidentemente. Non sarebbe logico credere che non lo avessero valutato. Ecco perchè faccio sempre il pillotto della palestra eccetera eccetera. Se il futuro prevede un programma alla Mad Max conviene essere Master Blaster senza nano.

  2. Tra l’altro sono ricongiungimenti familiari dei parenti dei regolari che sono stati fatti entrare ed assunti a tempo INDETERMINATO dal 1998 al 2007 dal Decreto Flussi introdotto dalla famigerata “Turco-Napolitano”, dove ricordiamolo, dei 16 paesi privilegiati, 8 sono africani. Che poi non tutti furono davvero assunti dalle imprese italiane, e una buona parte (come i senegalesi) ha sfruttato questo canale per dedicarsi al “commercio”. Insomma un peso per il nostro stato sociale, e di cui pagheremo salato il conto se non si interviene con le espulsioni di massa dei nullafacenti.

  3. Leggendo i vostri commenti e convogliando un paio delle mie idiozie classiche ho notato che la finanza potrebbe soccorrerci. Dichiarando il fallimento della “Vecchia Italia S.p.A.” potremmo risolvere parecchi problemi, lasciandole in carico i debiti e tutti i negri e i marocchini. La Vecchia Italia rimarrebbe anche membro della UE togliendoci il problema di decidere come uscire dalla comunità. La “Nuova Italia s.r.l.” resterebbe proprietaria di tutte le attività e gli immobili. C’è solo da comprare qualche chilometro di filo spinato per recintare l’Alto Adige.

  4. Temo anche io che la finalità sia la guerra civile. Mentre noi fantastichiamo su roccamboleschi rimpatrii il governo in carica sta foraggiando le ong in modo che riempano sino al collasso il paese, poi leveranno la cartamoneta e da li i primi gravi disordini. Tutto il resto lo possiamo facilmente immaginare, i pochi che rimarranno daranno vita ad una nuova società di meticci.
    In un intervista un bel po’ di tempo fa avevano chiesto a studiosi di antropologia di fare un identikit dell’uomo del futuro. Era meticcio con gli occhi esageratamente grandi. Li avrebbe sviluppati, dicevano, per la mancanza di luce, forse una collisione con un asteroide, ma sul colore pelle nessun dubbio. Quindi cerchiamo di individuare qualche grosso scoglio in mezzo all’oceano e occupiamolo, meglio che perder tempo a sognare come sbarazzarci dei porci.

    1. Isola di San Giulio, facilmente difendibile, facilmente “espandibile” con i dintorni. Il convento può essere facilmente riadattato a fortezza. Bisogna pensare ad una situazione autosostenibile con l’acqua come fattore primario e il cibo come secondario. Dopo la seconda settimana di gabbiano e pesce volante e solo acqua di mare da bere mi viene la pelle brutta.

  5. quando si ha un cancro lo si cura ,ma se non è curabile estremmente si “taglia” . Quando questi fanculisti non vogliono ritornare a casa loro gli si mostra che se non tornano immediatamente si rende coatta la cura estrema . Ma ci vogliono i coglioni che gli italiani non li hanno più .

Lascia un commento