Carabinieri: “Polemiche sono dodicesima coltellata a Mario”

Condividi!

“Rispetto e riconoscenza”. Lo chiede
il comandante generale dei Carabinieri,
Giovanni Nistri, prendendo la parola
nella chiesa di Somma Vesuviana durante
i funerali di Mario Cerciello Rega.

“Chiedo rispetto per la famiglia, per
l’uomo che era e per il Carabiniere che
è morto per tutelare i diritti di tut-
ti”, ha detto. “Giusti i dibattiti,sono
legittimi, ma teniamoli lontani, non
oggi. E i toni non siano la dodicesima
coltellata” per Mario. Ai familiari:
“Cercheremo di starvi vicino perchè è
quello che si fa in una famiglia”.




2 pensieri su “Carabinieri: “Polemiche sono dodicesima coltellata a Mario””

  1. Comandante, tutto legittimo e in pubblico non le chiederò nemmeno chi ha coordinato l’azione. Ma in privato Lei mi deve garantire che chi ha coordinato l’azione e chi ha ricevuto la telefonata da Brugiatelli saranno puniti. Se è la stessa persona mi auguro che sia punita molto.
    Perchè, Comandante, è vero che Brugiatelli ha telefonato direttamente ad un amico suo nell’Arma e la denuncia non ha seguito l’iter legittimo?

Lascia un commento