Carabiniere ucciso: prof Novara incolpa i familiari

Condividi!

“Quel post non l’ho scritto io, chi mi conosce sa che non penso quelle cose”: lo afferma all’ANSA Eliana Frontini, l’insegnante di Novara nella bufera per la frase “uno di meno” riferita al vicebrigadiere Mario Cerciello Rega. “Per motivi che spiegherò solo a chi di dovere, mi sono assunta una responsabilità non mia – sostiene – Non si è trattato di hackeraggio, semplicemente è stato usato il mio account e il mio computer. Non l’ho detto prima perché non credevo che la vicenda assumesse questo peso…”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Ho subito chiesto scusa, anche se mi rendo conto che si tratta di ben poca cosa rispetto alla gravità di quelle affermazioni – aggiunge l’insegnante -. Ora, però, è il caso di riportare la vicenda alle sue dimensioni reali”. A scrivere il commento potrebbe essere stato un famigliare. “Quando verrò sentita dall’Ufficio scolastico territoriale o eventualmente da altri organi, comunicherò il nome della persona che ha agito.Una persona che è pronta ad assumersi le sue responsabilità”.

Visto che non è reato – giustamente – faranno ricadere la colpa su qualcuno che non può essere licenziato dalla pubblica amministrazione.




4 pensieri su “Carabiniere ucciso: prof Novara incolpa i familiari”

  1. Scrivere certe cose forse non è reato, andare in giro con la faccia di Eliana Frontini invece dovrebbe esserlo. Già solo per il naso, le orecchie, il labbro superiore, la forma generale della bocca e l’arco sopraccigliare si meriterebbe una indagine genetica approfondita.
    Poi potrebbero capitarvi avventure come le mie, dove al museo archeologico ad un’esponente della mia prole è stato raccontato che non è giusto avere oggetti di pelle perchè povere mucche. Alla tipa le ho detto che mi sarei fatto una borsa per il tabacco con la pelle di una sua tetta perchè era morbida morbida e ci avrei messo di meno a conciarla. Fortunatamente molto spesso la gente non mi prende sul serio, ma non fidatevi MAI degli insegnanti della vostra prole senza controllare, fosse anche un singolo pomeriggio a vedere due mosaici cacati. Le zecche sono sempre in agguato.

Lascia un commento