Lesbica ubriaca prende a morsi la ‘moglie’ a Milano: “Polizia di merda”

Condividi!

La manipolazione semantica è utilizzata per normalizzare il disordine innaturale delle cose:

Ubriaca fradicia ha litigato con sua moglie. Poi, totalmente fuori di sé, l’ha addentata a una mano mentre lei cercava di tranquillizzarla. Quindi, senza più controllo, ha bloccato un mezzo Atm e si è scagliata contro gli agenti.

Protagonista di un martedì sera folle sui Navigli è stata una ragazza americana di ventisei anni, sposata con una giovane italiana di due anni più grande. Verso le 23.40, stando a quanto accertato dalla polizia, le due hanno litigato e la 26enne ha sferrato un morso alla compagna.

La giovane si è poi piazzata davanti al tram della linea 2 di Atm in Ripa di Porta Ticinese, costringendo il macchinista a interrompere a lungo la corsa. All’arrivo della polizia la situazione è anche peggiorata: la statunitense ha accolto gli agenti a suo modo – “vaffanculo polizia di m…” – e ha poi cercato una goffa fuga a piedi. Quando i poliziotti l’hanno raggiunta e bloccata ha cercato un’ultima reazione, ma è stata definitivamente fermata.

La ragazza – che gli agenti hanno identificato grazie all’aiuto della moglie – è stata denunciata per interruzione di pubblico servizio e resistenza a pubblico ufficiale. La sua notte è finita al San Carlo, dove è stata portata perché troppo ubriaca.




Un pensiero su “Lesbica ubriaca prende a morsi la ‘moglie’ a Milano: “Polizia di merda””

Lascia un commento