Mafia nigeriana occupa territorio italiano: “Stanno armando i profughi”

Condividi!

“Bande di immigrati si stanno appropriando di intere aree del territorio italiano e si stanno preparando alla guerriglia etnica in stile africano”

“Gruppi di migranti nigeriani che in un primo momento collaboravano con le mafie per lo sfruttamento della prostituzione ed il traffico delle droghe, ora stanno organizzando bande paramilitari per controllare il territorio italiano”, a rivelarlo, nel 2017, un articolo del “Times” a cui si sono aggiunte pubblicazioni del “The Guardian” dell’agosto dell’anno successivo, e il rapporto della DIA degli ultimi giorni.

Parlano di gang criminali nigeriane e centrafricane che operano in Italia, già soprannominate dall’intelligence britannica “I Vichinghi”, dal nome del clan principale della Mafia nigeriana, i ‘Vikings’, che gestivano anche il centro di accoglienza di Mineo, chiuso in questi giorni da Salvini.

Secondo la stampa inglese il territorio italiano sarebbe ora a forte rischio di “tribalizzazione territoriale”, ovvero le bande di migranti potrebbero appropriarsi di aree e difenderle come usano fare nelle zone del centro Africa già attraversate da guerre civili e atavici conflitti tribali.

Lo abbiamo imparato a nostre spese. Soprattutto una ragazzina di nome Pamela: Innocent Oseghal, Desmond Lucky, Lucky Awelima e i loro fratelli hanno confermato questa realtà al grande pubblico. Negli ultimi anni i nigeriani traghettati in Italia dalle ong e dal PD sono centinaia di migliaia. Loro compresi.

Un rapporto della DIA fa riferimento alla criminalità organizzata nigeriana come “la più pervasiva, formata da diverse cellule criminali indipendenti e con strutture operative differenziate ma interconnesse, dislocate in Italia e in altri Paesi europei ed extraeuropei”. Che si è estesa in Italia proprio grazie agli sbarchi.

Nonostante questo, i governi Pd hanno diffuso i clandestini nigeriani sul territorio invece di espellerli. Trasformandoli da irregolari a richiedenti asilo per foraggiare le coop di partito.

E questo ha rifornito la mafia nigeriana di migliaia di nuovi membri.

Trattasi di gruppi vasti, ramificati, organizzati su un modello clanico e con un controllo fondato sulle intimidazioni, sulla minaccia della magia nera e sui sequestri di persona. Delle vere e proprie confraternite in quanto per farne parte bisogna sottoporsi a dei rituali di tipo tribale.

Un esempio è quello che riguarda le minacce nei confronti delle prostitute che non solo vengono picchiate, ma che vengono sottoposte a riti voodoo con lo scopo di avere totale controllo su di loro e in molti casi con minacce aggiuntive ai propri familiari rimasti in Nigeria.

Tra le confraternite più note vi sono la Black Axe, quella di cui pare facesse parte il clandestino di Fermo ucciso da un italiano per legittima difesa, i Black Cats e gli Eiye che in Nigeria si sono resi protagonisti di molti omicidi, intimidazioni e reati predatori. Questi gruppi sono presenti anche in Italia. Ce li ha portati il PD.

FERMO: EMMANUEL MEMBRO MAFIA NIGERIANA – FOTO

I principali traffici a cui si dedicano queste organizzazioni sono la prostituzione, l’immigrazione clandestina, la gestione della manodopera per la raccolta nei campi, il traffico di stupefacenti, le truffe telematiche e il racket dell’elemosina. Idoli di Bonino e Boldrini.

La prostituzione nigeriana è oramai presente da decenni sul territorio nazionale e ben noto è il ruolo delle cosiddette “maman”, ex prostitute che hanno fatto “carriera” e si occupano della gestione delle nuove arrivate, sia per quanto riguarda la logistica che la raccolta del ricavato da destinare alle organizzazioni. E l’80 per cento delle nuove leve è sbarcata negli ultimi anni:

ARCIVESCOVO NIGERIA: “80% PROFUGHE SONO PROSTITUTE”

Al di là della prostituzione, ci sono alcune attività che saltano particolarmente all’occhio come ad esempio il cosiddetto racket dell’elemosina, recentemente documentato con reportage video a Milano da Tullio Trapasso del Comitato Antiracket e Abusivismo.

Un recente approfondimento del quotidiano Vanguard, con sede a Lagos, fa riferimento a 170mila nigeriani detenuti all’estero, gran parte dei quali per reati legati alla droga, alla prostituzione e al traffico di esseri umani. A questi numeri si aggiungono più di 10mila donne risucchiate nell’inferno della prostituzione in Europa e in molti casi vendute dalle loro stesse famiglie.

Inchiesta svela accordo, Mafia importa profughi spacciatori grazie al governo

Rodolfo Ruperti, capo della polizia di Palermo, aveva dichiarato al Times che “la gang dei Vichinghi è sorta mentre la polizia sgominava l’organizzazione dell’Ascia Nera (struttura mafiosa nigeriana in Italia): quando elimini una gang, subito altre vengono a colmarne il vuoto”. Secondo le fonti britanniche si sarebbe ormai a cospetto di “organizzazioni molto gerarchiche, con capi presenti in ogni città”.

Il rischio secondo gli inglesi è che, messi alle strette (o progettando una supremazia sugli italiani) potrebbero anche armare i centri d’accoglienza, e coloro che vivono nei palazzi occupati, per fronteggiare le forze dell’ordine in eventuali focolai di guerriglia urbana: l’esempio dello sgombero nei pressi di Roma-Termini avrebbe potuto avere di queste conseguenze.

Il caso italiano sarebbe stato oggetto di studio e preoccupazione, al punto che Scotland Yard avrebbe consigliato maggiore controllo sui voli in entrata dall’Italia, e perquisizioni accurate sui vettori su rotaia e gomma che attraversano il canale. Dal canto loro i francesi hanno già in due occasioni fronteggiato gruppi paramilitari nelle banlieue parigine, ricorrendo all’esercito in supporto alla Gendarmerie.

Ma la politica italiana prima di Salvini era quella di non allarmare la popolazione circa il rischio d’assalti da parte di gruppi “paramilitari extracomunitari”. Anche se bande sudamericane avrebbero già il controllo d’una decina di edifici a Milano e d’una zona non ben definita a Genova. Va rammentato che lungo l’Adriatico sarebbero già state segnalate bande di africani. Qualche funzionario di polizia ventila che ordini superiori avrebbero minimizzato il fenomeno, etichettandolo come ininfluente sotto il profilo dell’ordine pubblico. Evidentemente necessita attendere che si manifestino con i fatti, e cioè non basta qualche stupro o rapina per gridare al fenomeno diffuso.

VERIFICA LA NOTIZIA

Grazie al fatto di avere importato una massa di sedicenti profughi con traghettamenti quotidiani dalla Libia, abbiamo potenziato le mafie africane in generale e quella nigeriana in particolare. Tanto che ora possiamo parlare di ‘bande paramilitari’ che iniziano a controllare il territorio e a creare enclave etniche che difendono con le armi. A quando la richiesta di indipendenza guidata da un imam di Boko Haram, visto che la stessa Dia ha lanciato l’allarme di una saldatura tra mafia nigeriana ed estremismo islamico?

Già oggi, per evitare la guerriglia delle bande paramilitari che occupano intere palazzine e quartieri (noto il caso delle palazzine olimpiche di Torino), le cosiddette autorità pagano i ‘migranti’ per ‘stare buoni’ e regalano loro case. Minniti lo disse: trovare case prima di sgomberarli.

Torino, Appendino scatenata: 167 case nuove per gli abusivi africani

Stiamo creando piccole Gaza sul nostro territorio ‘grazie’ al delirante e criminale progetto targato PD-Vaticano di ‘ripopolamento’ del territorio. Per ora smembrano ragazzine. Costringendo un ragazzo normale ad un’azione disperata.

Verrà il giorno in cui la guerriglia deflagrerà, e allora i patrioti avranno licenza di liberare il territorio. Sarebbe intelligente liberarlo prima. La guerra è nelle nostre città: dobbiamo metterci in testa di combatterla.

Il Pd, dal 2013, ne hanno scaricati in Italia quasi 100mila, quasi tutti arrivati sui barconi: è come se avessimo traghettato un esercito ostile in Italia.

Fino al 2013, anno in cui il Pd ha preso in mano il governo da solo, con un golpe di palazzo, i nigeriani non erano nemmeno tra le prime dieci nazionalità di ingresso. Poi il boom. In un crescendo che ne ha portati nel 2017 quasi 30 mila in un solo anno. Come se volessero accelerare questo trasferimento in vista dell’arrivo di un nuovo governo.

Ma nessuna procura si è mai sognata di indagare su questo.

Se fosse un processo, l’accusa evidenzierebbe il fatto che per favorirne la permanenza in Italia, dopo averli traghettati, la stessa parte politica aveva inventato una nuova figura di asilo, la ‘protezione umanitaria’, fatta su misura per i nigeriani: che non fuggendo da alcuna guerra, non avrebbero potuto essere accolti.

Accuserebbe poi il Pd di averlo fatto per rifornire le Coop del partito di clienti a spese dei contribuenti. Un accusa particolarmente brillante, potrebbe poi sostenere che lo strano aumento di nigeriani sui barconi, coinciso con l’inizio dell’operazione Mare Nostrum fortemente voluta dal Pd, non sia stata casuale: possibile che il Pd abbia svenduto la sicurezza dei cittadini ‘solo’ per arricchire le coop? O c’era dietro dell’altro?

Detto più chiaramente: qui abbiamo un’organizzazione criminale che vuole trasferire in Italia migliaia di propri soldati, dall’altra parte abbiamo un governo che organizza una sorta di servizio taxi dalla Libia all’Italia, a cui poi si unisce quello privato delle Ong, tutte dai finanziamenti opachi: qui prodest?

Fatto sta che, alla fine, l’esercito della mafia nigeriana è stato trasferito in Italia. Ragazzine sono state uccise. La droga circola a prezzi sempre più stracciati con una distribuzione capillare.

Qui abbiamo il movente. L’arma. E la vittima. Di tutto questo dobbiamo ringraziare il Pd.

Ma pare che nessun magistrato se ne interessi. Vogliono processare Salvini. Colui che, questo flusso di soldati della mafia nigeriana, l’ha bloccato:

Salvini ha azzerato gli sbarchi di nigeriani: 21 in 6 mesi

Ovviamente, il PD non ha avuto e non ha alcun rapporto con la mafia nigeriana. Quindi una bella commissione di inchiesta servirebbe a mettere a tacere chi dice che gli 80 mila nigeriani sbarcati in questi anni siano un do ut des con Benin City.




5 pensieri su “Mafia nigeriana occupa territorio italiano: “Stanno armando i profughi””

  1. Fare pressione sul governo nigeriano affinché vengano messe in atto misure forti per rimpatriare tutti questi facinorosi e delinquenti.
    Lo stato africano deve farsi carico di tutte le azioni che vengono messe in atto.
    Il ministro dell”Interno,con il massimo aiuto del ministro della Difesa,possono e devono in tutti i modi fare in modo che venga ripristinata la legalità in ogni parte d’Italia,usando anche la forza,

    1. Ciao Antani,
      io ho una colt .36 e una remington .45, ben tenute e pronte all’uso. La prudenza non é mai troppa. Consiglio a tutti di organizzarsi in vista di quello che accadrà prossimamente su questo schermo. E mirate per cominciare ai coglioni, se potete non uccidete ma lasciate un duraturo ricordo degli italiani.

      1. La Remington dovrebbe essere un bel cannone, con la colt mi sa che ci vuole Daisuke Jigen per ottenere dei buoni risultati.
        Io ho i fucili di nonno e papi e per ora mi accontento. Con le cartucce a pallettoni e il sette colpi posso affrontare il primo schermo di Doom, per il secondo mi devo attrezzare.

Lascia un commento