Carabiniere ucciso a coltellate, il cugino: “Bastardi maledetti…vi ammazzo”

Condividi!

AGGIORNAMENTO:

Carabinere ucciso, per ora fermati 2 ‘americani’: spunta video rapina – VIDEO

Sono almeno quattro le persone che si trovano nella caserma dei carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma per essere ascoltati nell’ambito delle indagini sulla morte del vice brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, ucciso nella notte nella Capitale. Continuano i controlli a tappeto per risalire ai due nordafricani, al momento ricercati. Sarebbero quelli ripresi in questo video:

Carabiniere ucciso a coltellate dai ladri a Roma, 4 sospetti sono stati fermati e sono sotto interrogatorio in caserma

VERIFICA LA NOTIZIA

Ammazzato dal solito immigrato che non doveva essere qui, è morto così il vice brigadiere Mario Cerciello Rega, 35 anni, sposato da soli 40 giorni:

Carabiniere ammazzato a coltellate da nordafricano a Roma

Ucciso per cento euro: è questa la cifra che sarebbe stata chiesta in cambio della restituzione di un borsello rubato dai due nordafricani ad una donna.

Il carabiniere è stato colpito più volte in varie parti del corpo e avrebbe ricevuto 8 coltellate. Una di queste all’altezza del cuore e anche una alla schiena. Il carabiniere è arrivato in ospedale in condizioni disperate ed è deceduto poco dopo.

E continuano a sbarcare. E qualcuno piagnucola quando i loro barconi affondano.

“Bastardi maledetti…vi ammazzo”, scrive su un suo profilo social un cugino del vice brigadiere ucciso.

Ed è quello che speriamo: non dovete prenderlo vivo. Ma non dovevano arrivare in Italia vivi: perché l’immigrazione uccide.




2 pensieri su “Carabiniere ucciso a coltellate, il cugino: “Bastardi maledetti…vi ammazzo””

  1. vorrei sapere se ha ancora i denti in bocca , se vede bene e se cammina , se lo prendevo io , sblassicava , andava a tentoni e strisciava come un verme . E’ questo che manca il buon esempio , meglio un brutto processo che un bel funerale . e vedrete poi che non voleranno tanto in alto ,,, molto molto rasoterra .
    fanno i padroni di casa nostra perché glielo avete concesso !

Lascia un commento