Richiedente asilo palpeggia donna davanti a centro d’accoglienza: salvata da passante

Condividi!

Ha tentato di violentarla davanti alla struttura di accoglienza per immigrati in cui è (era) ospite e dove poi si è rifugiato per sfuggire alla polizia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il 20enne della Guinea, che aveva presentato richiesta di asilo, è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale. L’episodio si è verificato martedì pomeriggio a Cagliari. La vittima è una donna del posto di 49 anni.

La donna è stata aggredita e palpeggiata dal richiedente asilo, e a salvarla è stato un passante attirato dalle urla disperate della vittma. Appena in salvo, la vittima ha chiamato il 113 e il figlio. È stato il ragazzo a vedere l’immigrato entrare nel centro di accoglienza poco distante e a riferirlo agli agenti della volante che nel frattempo erano arrivati sul posto.

I poliziotti hanno fatto irruzione nella struttura e hanno sorpreso l’immigrato mentre si cambiava l’abbigliamento. Bloccato, il 20enne è stato identificato e portato in Questura. Mentre i poliziotti si accingevano a farlo salire sull’auto di servizio, la donna lo ha riconosciuto.

Si tratta di Barry Tafsir, a cui recentemente è stata rigettata l’istanza di protezione internazionale, ma che era ancora in Italia, probabilmente perché ha presentato il solito ricorso: è stato arrestato e su disposizione del pm di turno è stato portato nel carcere di Uta a disposizione dell’Autorità giudiziaria.




Lascia un commento