Il trafficante umanitario incassava 300mila euro a settimana: ringrazia il PD

Condividi!

Il re del traffico dei clandestini è un immigrato etiope, Ermias Ghermay.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sette anni fa è sbarcato in Sicilia come clandestino e ha fatto richiesta d’asilo. Inviato nel lussuoso centro d’accoglienza di Mineo, ora chiuso da Salvini, è diventato il leader nel traffico di essere umani dalla Libia.

La sua base operativa è in Libia ma conta appoggi in tutta Europa e anche in Italia, gli investigatori hanno stimato che il suo giro d’affari si aggirava intorno ai 300mila euro a settimana. Grazie alle ong e al Pd. Poi è arrivato Salvini, e ora dalla Libia non arriva quasi più nessuno: poco più di 900 in questi primi 7 mesi del 2019.

Nel suo curriculum criminale ritroviamo anche il traffico di organi, che è legato a filo doppio a quello dei clandestini.

In Italia, l’estesa rete di trafficanti con a capo l’etiope sfruttava come base logistica e operativa un negozio vicino alla stazione Termini di Roma. L’attività, una profumeria, raccoglieva in un libro tutti i nomi dei finti profughi trasportati dalla costa libica e fungeva da punto di raccolta di denaro da poi inviare in Libia per oliare il traffico.

Le forze dell’ordine, in seguito a un blitz, avevano sequestrato ben 526mila euro e circa 25mila dollari americani in contanti.

Gli immigrati che erano disposti a pagare una somma maggiore avevano la garanzia di arrivare nel nostro Paese non con il barcone ma grazie alla famigerata legge del ricongiungimento familiare. Ti preghiamo, Salvini: abrogala. E’ così che oltre 200mila afroislamici arrivano in Italia ogni anno.

Ghermay ora vive come latitante ed è ricercato in tutta Europa: incredibilmente, fino all’anno scorso, era ancora in possesso di un permesso umanitario rilasciato dal governo precedente: valido fino al 2019.

Gli investigatori pensano che si trovasse in Libia fino allo scorso anno, nella sua roccaforte e centro operativo: era stata identificata una fattoria dove l’uomo nasconde fino a 600 clandestini alla volta prima di farli imbarcare.

Nessuno ci toglie dalla testa che chi incassa 300mila euro a settimana coi clandestini, non ne investa una parte in chi, questi clandestini, poi li traghetta in Italia.

Boss scafisti confessa: “Mare Nostrum lo abbiamo voluto noi”

Ma, soprattutto, perché non inviamo i servizi ad eliminare questi trafficanti?

Clandestini pagano anche 10mila euro per invadere Europa




Lascia un commento