Giornalista confessa: “Direttori ci vietano di Parlare Di Bibbiano”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
L’avvocato Francesco Miraglia, legale di molti genitori i cui bambini sono stati rubati dal ‘partito di Bibbiano’ nell’inchiesta “Angeli e Demoni”, rivela: «Abbiamo passato due giorni a illustrare questo sistema marcio a una giornalista di uno tra i quotidiani più importanti d’Italia, questa persona è entrata anche in contatto con alcune delle famiglie coinvolte. Il giorno prima che il pezzo dovesse essere pubblicato, mi ha chiamato, vergognandosi, e dicendomi che il caporedattore, dopo tre giorni di lavoro, ha impedito la pubblicazione dell’articolo».

Quel giornale è, quasi sicuramente, il Corriere della Sera.

L’avvocato ha anche denunciato: «Non passi l’idea che questo problema riguardi solo l’Emilia Romagna: a Venezia un bambino di tre anni veniva allontanato in modo da abituarsi all’adozione; in un’altra regione un bambino doveva essere allontanato in quanto troppo effemminato, dato che aveva come punti di riferimento la mamma e due sorelle. Il papà non c’era più. Oppure potrei ricordare di un bambino allontanato per quattro anni in comunità perché la mamma era troppo amorevole».

Perché Bibbiano è solo la punta dell’iceberg.




Un pensiero su “Giornalista confessa: “Direttori ci vietano di Parlare Di Bibbiano””

Lascia un commento