Trezeguet ubriaco agli agenti: “Sfigati, non guadagnate 2mila euro”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Questi idioti che si sentono qualcuno perché altri idioti li rendono ricchi idolatrandoli come eroi, devono scendere in terra.

L’ex calciatore si era rifiutato di sottoporsi all’alcol test, poi ha gridato agli agenti: “Lo faccio il test, ma dopo un’ora”. Ecco, un’ora dopo, quando finalmente ha soffiato sul palloncino, i valori rilevati erano tra 1,5 e 1,7. Esito finale: 1,76 g/l.

“Pezzenti, poveracci, non guadagnate nemmeno duemila euro”. E ancora: “Siete degli sfigati”. Una terza persona che era con lui in macchina aveva prima provato a dargli una dritta: “Buttati per terra e fai finta di stare male, così arriva l’ambulanza e non ti possono fare nulla”. Come se non facessero poi gli esami, in ospedale.

In ogni caso, le offese elargite agli agenti, sono costate a Trezeguet anche una denuncia per oltraggio a pubblico ufficiale.

Eugenio Bravo, poliziotto e segretario torinese del Siulp, ha descritto così quanto accaduto: “L’arroganza, la strafottenza di questo signore, che soltanto perché è ricco, si sente al di sopra della legge e dell’autorità si contrappone alla grande professionalità ed equilibrio dei poliziotti che hanno proceduto con la massima regolarità”.

E’ tempo di moltiplicare le tasse a questi buzzurri di calciatori che, invece, grazie alla legge PD, pagano meno tasse di chi prende 2mila euro.

Alla fine, rimangono sempre degli arricchiti. Ah, comunque, grazie per la traversa.

Interviene anche il ministro dell’Interno:




Un pensiero su “Trezeguet ubriaco agli agenti: “Sfigati, non guadagnate 2mila euro””

Lascia un commento