Tunisino si lamenta della casa nuova: “Trattati come cani” – VIDEO

Condividi!

Dicono che sono ‘risorse’ e che ci ‘pagheranno le pensioni’. Poi, però, non guadagnano abbastanza da permettersi una sistemazione in affitto, ma intanto figliano e pretendono di essere ospitati a spese degli italiani. E’ bizzarro.

VERIFICA LA NOTIZIA

Come il caso di Mokhatar Benenjemaa, uno degli sgomberati di Primavalle, tunisino in Italia da 35 anni, che si lamenta fuori dal centro che lo ospita con moglie e due figlie per l’intervento della Raggi: “La stanza è piccola per quattro persone ed è sporca – spiega -, ho fatto domanda popolare dal 2002 e ancora sto aspettando. Ormai non gli credo più”.

Idraulico specializzato da anni, dice di non potersi permettere un affitto. Fino al suo arrivo all’occupazione di via Cardinal Capranica: “Stavamo meglio li”, dice.

In Italia le case sono per gli italiani, se non riescono a provvedere da soli. Gli immigrati che vengono devono potersi mantenere, o tornare a casa: è semplice buonsenso. Dobbiamo fare arrivare e tenere qui i pochi che servono a noi, non importare povertà e degrado.

Questi, invece, pretendono di essere mantenuti. E la Raggi usa i vostri soldi per farlo:

Raggi: “Famiglie di immigrati sgomberate saranno mantenute per 1 anno dai contribuenti” – VIDEO




Un pensiero su “Tunisino si lamenta della casa nuova: “Trattati come cani” – VIDEO”

Lascia un commento