Pd contro donna incinta: “Sei incinta, non puoi presiedere la Commissione”

Condividi!

“Sei incinta, non puoi presiedere la Commissione”. Sarebbero queste le parole che Andrea Romano, deputato del PD, avrebbe rivolto a Francesca Businarolo, presidente Commissione Giustizia alla Camera.

VERIFICA LA NOTIZIA

Queste, durante i lavori congiunti sul Decreto Sicurezza Bis delle Commissioni Affari Costituzionali e Giustizia, le parole che hanno scatenato l’indignazione e il caos dei deputati presenti e del presidente della commissione Affari Costituzionali Giuseppe Brescia, che è intervenuto duramente definendoli “insulti riprovevoli”.

Andrea Romano smentisce categoricamente, definendo l’accaduto una “totale falsità”. Con un messaggio alla Businarolo, dichiara di non aver mai ritenuto il suo stato di gravidanza un impedimento allo svolgimento del ruolo di Presidente della Commissione.

“Quello che ho affermato (e che penso con convinzione) – spiega Romano – è che Lei, onorevole Businarolo, questa mattina non abbia svolto con correttezza le sue funzioni di presidente in quanto non ha concesso ai deputati di opposizione che lo chiedevano di svolgere i propri interventi per la durata di cinque minuti per gruppo e per emendamento che erano stati decisi ieri nell’ufficio di presidenza della Commissione, pur contro la nostra opinione”.

Ma non sono in molti a credere alla difesa del deputato. Romano sarebbe a sua volta stato smentito da altri parlamentari, presenti durante l’accaduto e che confermano la versione di Brescia.

Le donne non dovrebbero presiedere, che siano incinte o no. A parte gli scherzi (oppure no?), e al di là della maleducazione del PD e il caso particolare, è evidente che la gravidanza può essere un impedimento a svolgere certe funzioni. Non c’è nulla di strano.

Comunque, consigliamo a tutte le donne incinte di stare lontane dai parlamentari Pd, visto quanto accaduto a Bibbiano, dove i ‘mostri’ prenotavano i bambini ancora prima che nascessero.




Lascia un commento