Minacce a magistrati pro-Rackete: insofferenza popolare cresce

Condividi!

Bloccate al centro di smistamento di
Favara due buste, una con polvere da
sparo indirizzata al procuratore di
Agrigento Patronaggio, e l’altra con un
proiettile diretta al gip Vella.

Per Patronaggio è la terza indimidazio-
ne in pochi mesi.Vella è il gip che non
ha convalidato l’arresto di Carola Ra-
ckete, la comandante della Sea Watch 3.
Proprio oggi la procura di Agrigento ha
depositato il ricorso in Cassazione
contro la mancata convalida dell’arre-
sto di Rackete,accusata di “resistenza
e violenza a nave da guerra”.

Qualcuno pensa, erroneamente, che Salvini sia il loro problema, e che eliminato lui, tutto tornerà come prima.

Non potrebbero fare errore più grande. Chi vota Salvini è molto più ‘estremista’ di Salvini. E dubitiamo che lui possa riuscire a frenare questa rabbia che monta ancora a lungo, se le cose non vengono risolte.




2 pensieri su “Minacce a magistrati pro-Rackete: insofferenza popolare cresce”

  1. Il povero Matteo sta abbozzando: è sveglio e pragmatico ma i suoi ultimi giri gli hanno fatto capire che il mondo è grande e deve mangiare ancora un sacco di pagnotte. Poi ha il cuore troppo tenero e una eccessiva fiducia nel prossimo ma su queste cose si può lavorare. Gli manca un mentore, una vecchia volpe alla Andreotti che lo possa consigliare, tuttavia non vedo la figura adatta all’orizzonte. Il contorno poi è desolante, non esiste una continuità fra i contenuti delle proposte politiche, nessuno è in grado di portare avanti un discorso che sia coerente. Così un povero nazi è costretto a cercare di risolvere un problema alla volta e bisogna ammettere che Matteo ha lavorato come aveva promesso su certi punti. Voto 7 anche per aver gestito le danze col 17%. Craxi ne sarebbe orgoglioso ma soprattutto avrebbe pagato da bere a tutti.

    1. Aggiungo un attestato di stima personale per essere evidentemente un uomo davvero onesto: se avesse anche solo fatto pipì per strada, con i giudici che abbiamo, sarebbe stato già inquisito molto pesantemente.

Lascia un commento