Von der Layen è un Juncker maschio

Condividi!

“In mare c’è l’obbligo di salvare le vite. L’Unione europea deve e può difendere questi valori“. Così, la presidente designata della Commissione Ue, Ursula von der Leyen intervenendo in Parlamento sul fonte immigrazione, lascia intendere che aria tiri per Salvini e chi volesse continuare ad arginare l’azione delle Ong al largo delle coste nordafricane. “Dobbiamo salvare le vite ma non è sufficiente – ha aggiunto – dobbiamo lottare contro i trafficanti di esseri umani, assicurare le nostre frontiere esterne e tutelare il diritto asilo tramite corridoi umanitari”. Von der Leyen poi ha ribadito che è necessaria una revisione del regolamento di Dublino.

“Nella prossima Commissione perfetta parità di genere”
La candidata ha anche annunciato: “Intendo realizzare una perfetta parità di genere nella prossima Commissione. Se i governi non presenteranno un numero sufficiente di candidati donne non esiterò a chiedere altri nomi“. E sul clima (tanto per completare il quadro): “Voglio che l’Europa diventi il primo continente neutrale climaticamente entro il 2050” ha detto promuovendo un nuovo “green deal” entro i suoi primi 100 giorni e proponendo una tassa frontaliera sul carbonio.

Ecco cosa vogliono: un continente neutro.

La von der Layen rappresenta perfettamente il nulla cosmico della Ue. Dalle idiozie sui clandestini fino alle quote rosa, tipica idea di una società decadente e declinante: e poi, se vuole ‘perfetta parità di genere’, lei cosa è, un trans?




2 pensieri su “Von der Layen è un Juncker maschio”

Lascia un commento