Le monache di monza: “Pronte ad accogliere immigrati nei nostri conventi”

Condividi!

Le suore di clausura si sentono sole e sono pronte ad ospitare gli immigrati. Silenti quando si tratta di poveri senzacasa italiani, rompono il silenzio per parlare di immigrati e scrivere una tragicomica missiva al presidente della Repubblica Sergio Mattarella e al premier Giuseppe Conte, dichiarandosi pronte ad accogliere gli immigrati nei propri conventi.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Egregio presidente Mattarella, egregio presidente Conte, siamo sorelle di alcuni monasteri di clarisse e carmelitane” scrivono le sorelle altrimenti in silenzio, e scrivono anche «ai leader del mondo», quindi anche a papa Francesco e all’imam di Al-Azhar. Lo fanno per chiedere «che le istituzioni governative si facciano garanti della dignità» degli immigrati e li «tutelino dal razzismo e da una mentalità che li considera solo un ostacolo al benessere nazionale».

Si dicono disponibili: «Con questa lettera aperta vorremmo dare voce ai nostri fratelli e sorelle migranti che scappano da guerre, persecuzioni e carestie» si legge nella lettera «Molti monasteri italiani, appartenenti ai vari ordini, si stanno interrogando su come contribuire concretamente all’accoglienza dei rifugiati, affiancando le istituzioni diocesane. Alcuni già stanno offrendo spazi e aiuti».

Se avete posto, e sappiamo che ne avete, perché non ospitate i poveri italiani?

E’ ormai impossibile non pensare ad un esproprio del patrimonio immobiliare del Vaticano.




2 pensieri su “Le monache di monza: “Pronte ad accogliere immigrati nei nostri conventi””

Lascia un commento