Parroco: “La Marina militare lasci passare i barconi”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Un invito a commettere un reato. Oltre ad un tradimento contro l’Italia.

Il parroco di Soresina, noto fanatico pro-clandestini, don Angelo Piccinelli, attacca Salvini sul notiziario parrocchiale distribuito ieri in chiesa, in parte ripreso anche nell’omelia domenicale. Poi si meravigliano:

Italia in fuga da Bergoglio: perde 2 milioni di donatori

«Provocato dai recenti episodi inscenati attorno alla cosiddetta emergenza migranti, ho sentito il bisogno di rileggere due emblematici testi del priore di Barbiana, che mi sembrano molto pertinenti e illuminanti, oltre che assolutamente profetici, per un discernimento meno superficiale degli eventi attuali di cui non siamo solo spettatori, ma corresponsabili e complici. La capitana della Sea Watch 3 e il capo-missione del veliero Alex sono stati accusati di non aver rispettato la legge, e di avere sfidato gli altolà opposti dalla Guardia di Finanza. Gli imputati, in entrambi i casi, si sono appellati a ragioni umanitarie, cioè al dovere di obbedire alla propria coscienza piuttosto che ad ordini ingiusti, oltretutto palesemente in contrasto con le convenzioni e i protocolli internazionali che antepongono la salvaguardia della vita umana in mare alla lotta contro l’immigrazione illegale. Don Milani, dunque, li approverebbe».

Poi la dichiarazione: “La Marina militare sappia fare obiezione”.

Dovevano farla quando il Pd li costringeva a traghettare la mafia nigeriana in Italia. Invitare i militari a non rispettare gli ordini perché continuino a rifornirti di giovani maschi africani, e sappiamo quanto al priore di Barbiana piacessero i giovani, è vergognoso.




Lascia un commento