Così il Pd vuole mettere a tacere chi accusa i mostri di Bibbiano: legge bavaglio in Emilia

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Vogliono mettere a tacere lo scandalo Bibbiano. Roberta Mori, presidente PD della cosiddetta Commissione Parità della Regione Emilia Romagna e relatrice della proposta di legge contro l’omotransnegatività, di cui abbiamo già parlato ieri:

Emendamento contro pedofili: sinistra protesta perché “discrimina”

E’ nota per avere partecipato a convegni e incontri con i protagonisti dello scandalo Bibbiano (Federica Anghinolfi, Fadia Bassmaji, il sindaco Carletti, Nadia Bolognini, Claudio Foti).
In queste occasioni, il sistema Bibbiano, degno erede del sistema Forteto, veniva proposto e incensato come “modello Val’Enza”.

In questi incontri, la relatrice della legge che vuole mettere il bavaglio a chiunque critichi, ad esempio, le adozioni gay messe in pratica proprio dal sistema Bibbiano, spiegava che la Regione si offriva come “partner e sponda rispetto ad un’esperienza che noi riteniamo esemplare per tutta l’Emilia Romagna”:

E’ un tantino strano che lo stesso partito che secondo gli inquirenti ha, attraverso il proprio sindaco, coperto i ‘mostri di Bibbiano’, sia quello che oggi, con la Mori come relatrice, stia tentando di imporre una legge regionale incostituzionale che impedisca critiche a comportamenti messi in pratica proprio dai mostri di Bibbiano. Come, ad esempio, le adozioni e gli affidi gay.

Se per i genitori ‘derubati’ dei propri figli è stato impossibile avere giustizia e parlare contro i mostri di Bibbiano prima, non sarà certo più semplice farlo dopo l’adozione di questa legge bavaglio.

Il Pd ha dichiarato guerra ai bambini. Una guerra ideologica contro la famiglia.




Un pensiero su “Così il Pd vuole mettere a tacere chi accusa i mostri di Bibbiano: legge bavaglio in Emilia”

Lascia un commento