Ong finanziata dal Vaticano sfida l’Italia: è già pronta a traghettare clandestini

Condividi!

La nave “Alan Kurdi” dell’ong tedesca Sea Eye, che batte bandiera tedesca, si trova nell’isola spagnola di Maiorca dove si sta preparando alla nuova missione che, come ha fatto sapere il portavoce dell’organizzazione, Gorden Isler, dovrebbe partire fra il 22 e il 24 luglio.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ l’ultima ong rimasta attiva dopo il sequestro del veliero di Mediterranea Saving Humans e della nave di Sea Watchl L’altra nave, quella di Proactiva Open Arms, non è abilitata al soccorso dal proprio stato di bandiera, la Spagna, si ‘limita’ così a tentare di guidare i barconi verso l’Italia.

“Non siamo intimiditi da un ministero dell’Interno”, ha ripetuto Isler sfidando Matteo Salvini.

Sea Eye fa rotta verso Lampedusa: “Ce ne sbattiamo di Salvini”

L’ultimo carico, 65 clandestini, la Alan Kurdi l’ha consegnato a Malta. Poi è stata liberata, non prima di guidare un altro barcone verso Malta.

Una vera e propria dichiarazione di guerra all’Italia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Oltre che dalle chiese evangeliche, la Sea Eye è finanziata anche dal Vaticano attraverso l’arcidiocesi di Monaco, sede del card. Reinhard Marx, che ha donato 50mila euro. Il Vaticano è nemico del popolo. Non date soldi alla Chiesa.




Un pensiero su “Ong finanziata dal Vaticano sfida l’Italia: è già pronta a traghettare clandestini”

Lascia un commento