Morte del tabaccaio è un “fatto di ordinaria violenza”

Condividi!

Delirante:

Il fatto che un richiedente asilo nigeriano, traghettato qui dalla vostra idiozia, che esigeva soldi dai cittadini e si credeva il boss della zona, abbia massacrato a morte un lavoratore italiano, non è manco per il cazzo “ordinaria violenza”. Come non è ordinaria stupidità scriverlo.

E non è ‘morto’, è stato ammazzato. Da uno dei vostri fottuti immigrati.




3 pensieri su “Morte del tabaccaio è un “fatto di ordinaria violenza””

  1. Capisco che a Napoli gli omicidi sono una consuetudine visto l’alto tasso di criminalità, ma quel poveretto è stato ucciso da un elemento che non sarebbe mai dovuto entrare, altro che “fatto di ordinaria violenza”.

  2. Vi ricordate quando con un pugno fu ammazzato un nigeriano (che sembra poi essere stato un affiliato dellal Black axe) nelle Marche pochi anni fa? Arrivò il messaggio di Mattarella, ai funerali andarono in pompa magna in rappresentanza delle istituzioni la Boldrina e la Boschi. Articoli e servizi televisivi si sprecarono a deprecare il razzista che aveva sferrato il cazzotto. Per non parlare del prete che accoglieva facendoci soldi.
    Stavolta? Ordinaria amministrazione!

Lascia un commento