Algeria e Tunisia avanti in Coppa d’Africa: africani saccheggiano città francesi, donna uccisa – VIDEO

Condividi!

Ancora violenze, disordini e saccheggi in Francia, per l’accesso alle semifinali di Coppa d’Africa di Algeria e Tunisia.

Del resto il 61% dei calciatori algerini selezionati per la Coppa d’Africa sono nati in Francia eppure, ovviamente, non sono e non si sentono francesi, come i loro compatrioti che in Francia hanno fatto violenze per festeggiare la qualificazione dell’Algeria.

A Tours, nel centro del Paese, “c’è stato un tentativo” di sostituire la bandiera francese con quella algerina in una delle piazze centrali della città.

A Marsiglia, una della città con la maggior presenza di nordafricani, sono scese per strada circa 9 mila persone. Anche qui non sono mancati gli scontri che hanno portato la polizia a lanciare i gas lacrimogeni.

Montpellier : un supporter algérien fauche une famille, la mère décède, le bébé entre la vie et la mort

Tours : 800 personnes fêtent la qualification de l’Algérie, le drapeau français du mat municipal remplacé par celui de l’Algérie




A Montpellier, un 21enne algerino ha perso il controllo dell’auto e ha falciato una famiglia che stava passeggiando: la madre di 42 anni e’ morta e il figlioletto di un anno e’ stato trasportato in gravi condizioni all’ospedale. La figlia, di 17 anni, ha riportato invece fratture agli arti inferiori. Il responsabile, che viaggiava ad alta velocita’, e’ stato arrestato. I festeggiamenti dei milioni di algerini che vivono in Francia sono stati macchiati da saccheggi e violenze a Parigi, sugli Champs Elysees, e in altre zone. Il bilancio e’ di una trentina di fermi e 20 poliziotti feriti in modo non grave.

E sono tutti ‘francesi’. Noi tifiamo per una finale Algeria-Tunisia. Così i francesi, forse, si renderanno conto dell’errore fatto. E, forse, anche noi.

Le “persone” fermate sono oltre 70, ha reso noto il ministro dell’Interno, Christophe Castaner, che ha definito “inaccettabili” gli incidenti.

A Parigi i maghrebini hanno sugli Champs Elysees hanno saccheggiato diversi negozi, tra i quali quello della Ducati. I testimoni raccontano che sono state portate via diverse moto, oltre a tanti accessori. Diversi bidoni dell’immondizia sono stati dati alle fiamme e tanti locali sono stati vandalizzati.

Another clip shows aggressive fans, some wearing the colors of Algeria, smashing shop windows and breaking in.

The fans shouted “Allahu Akbar!,” “Nique la France” (Fuck France) and “on va baiser des keufs” (We are going to fuck the cops) as they attacked store fronts.

“Tensions started boiling by around 11pm with at least one Molotov cocktail thrown at police lines. Riot forces responded with tear gas and rubber bullets to stop the crowd from vandalizing cars and looting shops,” reports RT.

Similar disturbances were also reported in Marseille, Lyon, Valence and other French cities.

Another clip shows French police deploying tear gas as fans flee down a street.

Sono i ricongiungimenti familiari che hanno portato la Francia a questo punto, non gli sbarchi:

L’ex presidente francese Giscard: “Che errore i ricongiungimenti familiari”

In Italia, così, ne entrano oltre 200mila l’anno: vanno abrogati, Salvini. Prima che sia troppo tardi.




2 pensieri su “Algeria e Tunisia avanti in Coppa d’Africa: africani saccheggiano città francesi, donna uccisa – VIDEO”

  1. A La Mosson c’è la crema di Montpellier. Se vi rubassero mai qualsiasi cosa nella zona la ritrovereste il sabato successivo al mercatino da quelle parti. Presentatevi con due amici robusti e svegli e se possibile sciarpa del MH74.

Lascia un commento