Roma, africani ospiti del prete trasformano chiesa in centro di spaccio

Condividi!

Avevano trasformato la chiesa di Torre Angela (Roma) che li ospitava, nel centro del loro business dello spaccio di droga.

VERIFICA LA NOTIZIA

Tra i banchi e i simboli religiosi, era stata organizzata una fiorente attività illegale, con la complice stupidità di chi li aveva accolti. La vicenda ricalca quanto accaduto nella chiesa gestita da Don Biancalani.

I pusher erano cinque giovani del Gambia e uno del Mali che avevano trovato un alloggio nei locali della chiesa apostolica di via delle Amazzoni, istituto ecclesiastico che snobba i senzatetto italiani ma ospita i richiedenti asilo che spacciano.

Quando gli agenti hanno fatto irruzione nella chiesa, i pusher hanno subito iniziato a nascondere gli oltre due chili di eroina in vari locali. Nel frattempo, gli altri cercavano di impedire l’accesso alle forze dell’ordine, colpendo gli agenti con calci e pugni.

Dopo aver immobilizzato gli aggressori, i poliziotti hanno trovato due gambiani nel bagno: stavano tentando di disfarsi dell’eroina pura.

I cinque sono stati arrestati, a vario titolo, per spaccio, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. Uno dei sei ha rivendicato la proprietà della droga, ma il giudice monocratico, non convinto dalle sue dichiarazioni, ha disposto la custodia in carcere per tutti i componenti della banda. Al processo, il prossimo 15 luglio, sarà ascoltato il pastore della chiesa apostolica.




Lascia un commento