Rasa al suolo la baraccopoli degli immigrati – VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Quasi tre mesi dopo gli ultimi abbattimenti, tornano le ruspe al ‘ghetto’ di Borgo Mezzanone, agglomerato abusivo accanto al Cara (Centro richiedenti asilo), a pochi chilometri da Foggia. Noto per essere controllato dalla mafia nigeriana, lì si nascondeva, carico di droga, uno degli assassini di Desirée.

Poliziotti, carabinieri, finanzieri e militari dell’Esercito Italiano hanno avviato le operazioni per la demolizione di una quarantina di manufatti, tra case a luci rosse, ristoranti, abitazioni in tufo e un gommista.

E’ il quarto di una serie di interventi programmati dalla Procura di Foggia e dalla Prefettura, con l’obiettivo di un progressivo smantellamento dell’insediamento abusivo. Nelle prime due azioni, il 20 febbraio e il 26 marzo, erano state abbattute 21 baracche ad uso commerciale, altre case a luci rosse, una discoteca e anche un parrucchiere. Poi le ruspe sono tornate il 17 aprile, per demolirne altre 19, 17 delle quali destinate ad abitazioni in cui vivevano 56 immigrati, perlopiù africani; due manufatti erano comunicanti, utilizzati come case di prostituzione.

Sembra District 9.

Nel decreto di sequestro preventivo firmato dal Gip del Tribunale di Foggia, Manuele Castellabate su richiesta dei pm Paola de Martino e Giuseppina Gravina, viene evidenziato che il ghetto «è occupato non solo da stranieri irregolari, dediti alla consumazione di attività di natura delinquenziale, ma anche da soggetti regolari che in assenza di alternative sono stati costretti ad occupare i manufatti abusivi. Di più – prosegue – in assenza di una occupazione lavorativa molti di loro sono state vittime di una delle ultime forme di schiavitù, ossia l’intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro nel periodo comprensivo tra i mesi di aprile e settembre, in cui si concentra maggiormente l’attività agricola del Tavoliere».
Nel decreto si fa esplicito riferimento al «ruolo di intermediario, assunto da alcuni stranieri, verso gli imprenditori agricoli, provvedendo personalmente a procacciare manodopera direttamente nel ghetto e percependo somme del tutto sproporzionate anche per il trasporto, peraltro in condizioni pericolose».




Lascia un commento