Quartiere ostaggio dei ragazzini stranieri: “Siamo terrorizzati”

Condividi!

Un capannello di decine di persone, schiamazzi e urla che andranno avanti per qualche minuto abbandonante. È un pomeriggio come tanti ai giardini Saragat di via Leoncavallo, finiti nel mirino dei residenti delle popolari di Barriera di Milano per le continue risse tra le baby gang straniere.

VERIFICA LA NOTIZIA

Fino alla rissa di martedì pomeriggio, con un branco di ragazzini stranieri che ha tenuto in ostaggio il giardino.

Immagini inquietanti, che parlano da sole. Fotografie scattate di nascosto, dai balconi, dai residenti che non ne possono più di questa situazione.

«Ormai sono anni che andiamo avanti a denunciare – accusano i cittadini -. Ma vediamo che la situazione non cambia di una virgola. E’ davvero triste, ogni estate, affacciarsi dai balconi e vedere gente che si droga per le strade». Un problema iniziato con la denuncia alle forze dell’ordine sullo spaccio. «Spesso vediamo uomini di colore che entrano nel cortile e infilano qualcosa tra le aiuole. Sicuramente è droga».

Se poi qualcuno spara e fa una strage, ovviamente lo arrestano. Ma intanto, lo Stato continua ad importare masse di questa feccia da banlieus con i ricongiungimenti familiari: cosa aspetti, Salvini?




Lascia un commento