Islamico dà fuoco alla figlia, giudice lo libera “sennò perde il lavoro”

Condividi!

E’ stato scarcerato e si trova ora agli arresti domiciliari il marocchino 50enne di Arcade che mesi fa diede fuoco alla figlia, colpevole, secondo lui, di essere troppo ‘occidentale’: l’immigrato islamico la cosparse con una tanica di benzina prima di tentare di appiccare le fiamme con un accendino.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il gip di Treviso Bruno Casciarri ha accolto l’istanza presentata dai difensori, gli avvocati Lot e Bonazzi del Foro di Treviso, che avevano chiesto l’attenuazione della misura restrittiva. L’uomo potrà anche recarsi al lavoro dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12 e dalle 13 alle 18, questo al fine di proseguire con l’attività e non perdere l’occupazione, che risulta essere peraltro l’unica fonte di sostentamento della famiglia.

Questo ha dato fuoco alla figlia, e la preoccupazione del Gip è, non rimandarlo in Marocco, ma non fargli perdere il lavoro. Qui siamo in una realtà parallela.

«Il trasferimento dei familiari -scrive il gip- in una località protetta ha attenuato le esigenze cautelari e reso adeguata e proporzionata la misura degli arresti domiciliari presso l’abitazione del fratello».

Quindi noi manteniamo la famiglia del marocchino, lui è libero.

L’unica misura nei confronti del 50enne da parte del giudice è il divieto di avvicinamento alla figlia e alla moglie e comunque l’allontanamento dalla casa familiare, oltre al divieto di avere qualsiasi contatto di persona, telefonico o attraverso gli strumenti della posta elettronica o dei social network con la ragazza e il coniuge.

Certamente, uno che ha dato fuoco alla figlia rispetterà queste intimazioni del gip.




Un pensiero su “Islamico dà fuoco alla figlia, giudice lo libera “sennò perde il lavoro””

Lascia un commento