Cardinale africano: «gli africani devono rimanere in Africa»

Condividi!

L’ultimo numero del mensile cattolico “Il Timone” ospita una lunga intervista al cardinale africano John O. Onaiyekan. Dal titolo : “Abbiamo bisogno dei nostri giovani qui“.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’emigrazione di tanti giovani africani dai loro paesi, dice, è una vera disgrazia.

I giovani africani infatti sono attratti dai falsi miti che vengono diffusi dai media e così “si convincono del fatto che devono andare assolutamente in Europa o in America… Sono disposti anche a morire di sete nel deserto o ad affogare nel Mediterraneo“. A pagamento.

Se poi riescono ad approdare nella terra dei loro sogni, hanno un brusco risveglio: le donne “vengono costrette a prostituirsi” e i giovani maschi finiscono sfruttati, oppure disoccupati e soli.

Quello che si deve fare, conclude il cardinale, è impedire che l‘Africa si privi delle risorse migliori. Perché quelli che scappano, di solito, sono quelli che possono permetterselo, cioè i più giovani e benestanti: il che è un paradosso.

La chiesa cattolica africana, conclude il cardinale, “informa i nostri giovani sui pericoli dell’immigrazione”, perché “quando i migranti vengono portati nei campi profughi e viene dato loro cibo gratis, li si priva della loro dignità”.

Intanto troppi nostri vescovi invocano l’arrivo di giovani maschi africani. Chissà perché.




Un pensiero su “Cardinale africano: «gli africani devono rimanere in Africa»”

  1. Esiste evidentemente qualche africano con un QI elevato. E comunque sia, l’emigrazione degli africani verso l’Europa, è una disgrazia più per noi che la subiamo che per l’Africa. Non solo, sono tutti benestanti perché sono attratti dal modello consumista occidentale.

Lascia un commento