Respinto in Libia gommone con 60 clandestini: sbarchi ai minimi

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il ministro dell’Interno dà notizia dell’ennesimo respingimento riuscito:

Evidentemente, anche loro erano diretti verso la Alan Kurdi:

Ong tedesca ha già trovato altri 55 clandestini

E al di là degli sbarchi di questi giorni, quasi tutti extra-Libia da Turchia, Tunisia e Algeria, che sono tipicamente estivi e non azzerabili con la chiusura dei porti ma solo con l’immediata espulsione dei clandestini via aereo, gli sbarchi rimangono ai minimi:

Se il trend continua avremo l’anno con meno sbarchi della storia moderna d’Italia. Sono ancora troppi, ma è un risultato che nessuno si sarebbe aspettato in appena 1 anno di Salvini.

E pensare che la Trenta rimpiange la missione Ue ‘Sophia’: a quest’ora un bel pattugliatore irlandese avrebbe preso il carico e si starebbe dirigendo verso Pozzallo.

Basta la decisione e la volontà per quasi azzerarli, per azzerarli servirà di più. Ma sarebbe meglio concentrarsi sugli oltre 200mila che ogni anno entrano ‘regolarmente’ con i ricongiungimenti familiari.




Lascia un commento