Un’altra nullità diventa presidente Europarlamento: il Pd Sassoli

Condividi!

Questi perdono le elezioni da anni, rappresentano a malapena il 20 per cento della popolazione italiana, e uno di loro viene nominato presidente dell’Europarlamento. Dopo Tajani è una figura di continuità. Solo il nulla può sostituire il nulla.

Sassoli presidente dell’Europarlamento
David Sassoli è stato eletto alla pre-
sidenza del Parlamento europeo. La Ca-
mera ha salutato la nomina con un ap-
plauso.

Lo ha annunciato in Aula il deputato
del Pd Fiano:”Con grande soddisfazione
vorrei salutare l’elezione di David
Sassoli a presidente dell’Europarla-
mento”.

Sassoli ha subito messo in chiaro che lavorerà per “porre fine ai guasti del nazionalismo”. Come se i ‘guasti’ non fossero dettati dalla Globalizzazione e dalla Ue, ma dal ‘nazionalismo’.

Matteo Salvini ha subito criticato la nomina, frutto di un accordo PPE-Socialisti, sottolineando che “non ha rispettato il voto degli elettori italiani ed europei” dello scorso maggio. Ma quando mai, la Ue ha rispettato il voto dei cittadini?

La Ue non è riformabile. E’ un buco nero della democrazia.

“Un Italiano del Pd tra le massime figure delle istituzioni europee”, ha esultato Nicola Zingaretti su Twitter. “Il governo Italiano ha fatto danni e ci ha isolato – ha, poi, continuato il segretario nazionale piddì – il Pd c’è e conta”.

Quando non votano gli elettori italiani, Zingaretti, voi vincete sempre.

Quella della Ue sono troppo stupidi per comprendere che non devi dare troppo l’impressione di fregartene degli elettori.




2 pensieri su “Un’altra nullità diventa presidente Europarlamento: il Pd Sassoli”

Lascia un commento