Ong a caccia di barchini da trainare in Italia: sequestriamola!

Condividi!

Evidentemente, vogliono ripetere quanto accaduto ieri tra Lampedusa e Malta. La nave Open Arms dell’ong catalana ProActiva Open Arms, sponsorizzata da De Magistris e inabilitata al ‘soccorso’ dalle proprie autorità di bandiera (Spagna), ha aggirato questo divieto non caricando i clandestini ma scortandoli dalle acque di competenza maltese, verso quelle di competenza italiana:

Nave madre Ong scorta in Italia 55 clandestini e li affida alla ‘nostra’ Guardia costiera

Un comportamento identico a quello dei pescherecci tunisini sequestrati, l’ultimo una settimana fa. Con l’aggravante che l’ha fatto alla luce del sole e, incredibilmente, con la collaborazione della nostra Guardia costiera.

Non solo:

Ovviamente, nella messa in scena è stato protagonista anche il servizio di telefonia per scafisti Alarm Phone, quello del prete spacciatore don Zerai.

Siamo in presenza di una nuova strategia che vorrebbe aggirare la chiusura dei porti.

E’ incredibile che non siano stati fermati e la nave sequestrata, visto che hanno trainato il barcone – loro dicono ‘scortato’ – da acque maltesi ad acque italiane. C’è un solo motivo: la vendetta per la vicenda SeaWatch. L’ennesimo attacco di chi finanzia e controlla le ong all’Italia.




Un pensiero su “Ong a caccia di barchini da trainare in Italia: sequestriamola!”

  1. Come mai Salvini ed i suoi sodali non menzionano, dopo giorni che ci avvertivano dell’arrivo di altre due ong Opena Arms e Kurdi, che una delle due come da voi scritto ha sbarcato il suo carico umano con la complicita’ della GC eGdF..e della nuova tattica adottata da questi negrieri, ovvero aspettare e consegnare alle conniventi motovedette italiane la merce di cui sopra? Salvini tace sui barchini..Salvini tace su Casarini..parlera’ solo della cogliona crucca, per clamore mediatico?, lasciando sotootraccia open arms e la gc che ritorna taxi del mare? sono basito SH

Lascia un commento