SeaWatch, Francia e Germania minacciano Italia: “Aprite i porti”

Condividi!

Sea Watch: Francia e Germania all’attacco. Salvini: ‘Non prendiamo lezioni

Il ministro degli Esteri tedesco lancia una ‘velata’ minaccia all’Italia:

Tra i commenti, anche molti cittadini tedeschi che protestano per questa sua uscita.

Anche dalla Francia arrivano delirante accuse all’Italia sulla vicenda. Ma conferma la disponibilità all’accoglienza di dieci clandestini. “Siamo pronti – dice il ministro dell’Interno Castaner – ad accogliere 10 persone bisognose di protezione al pari di altri partner europei che hanno preso simili impegni”.

Per Parigi, infatti, la chiusura dei porti è stata annunciata “in violazione del diritto internazionale del mare, mentre degli sbarchi di persone soccorse in mare continuano a prodursi in Italia, tanto da navi di Ong che della guardia costiera italiana”. La soluzione a cui pensa il ministro francese? “L’attuazione di un meccanismo permanente di solidarietà, al fine di assicurare sbarchi rapidi e in sicurezza, nel porto sicuro più vicino delle persone soccorse in mare, nel quadro di un dispositivo europeo prevedibile, affidabile e rispettoso del diritto internazionale”. Cioè gli sbarchi nei Paesi più vicini a quelli di partenza dei flussi – Italia e Malta in primis -.

Ma pensa. Potresti andare a fare in culo, in primis. E in secundis anche il tuo presidentesso Macron. Non vogliamo diventare un’appendice africana come voi.

Ovviamente, i veri francesi e tedeschi stanno con Salvini. E’ il leader straniero più amato in entrambi i paesi: perché tutti amano chi chiude i porti. E tutti sanno che i propri governanti vogliono aprire i porti italiani per africanizzare non solo l’Italia, ma tutta Europa: per questo la Francia bombardò la Libia. Per questo ci sono stati imposti governi abusivi.

In tutto questo, ‘brilla’ il silenzio di Mattarella.




Lascia un commento