Lussemburgo chiede liberazione capitana SeaWatch

Condividi!

Il ministro degli Esteri del Lussemburgo, Jean Asselborn, ha chiesto la liberazione di Carola Rackete, il capitano della Sea Watch 3, arrestata dopo l’attacco a Lampedusa, dove ha tentato di schiantare la sua nave contro una motovedetta italiana: un tentato omicidio di alcuni militari italiani.

VERIFICA LA NOTIZIA

In un post su Facebook indirizzato all’omologo italiano, Enzo Moavero Milanesi, Asselborn ha sottolineato che “salvare vite è un dovere e non può mai essere un reato o un crimine. Non farlo, al contrario, lo è”.

Lussemburgo. Stato posticcio che non dovrebbe esistere, noto per il bevitore Juncker.

Ve lo ricordate, Asselborn? Lui:

Salvini contro Asselborn: “Non osare offendere i nostri emigranti”

Salvini asfalta ministro Ue: “Non ci faremo sostituire da Africani”




2 pensieri su “Lussemburgo chiede liberazione capitana SeaWatch”

  1. Io in Lussembrurgo saro’ stato 50 volte, mia figlia vive li’. Avere una Porsche é avere una macchina normale, sono tutti pieni di grana per via della fiscalità inesistente per i grandi gruppi finanziari e no. Basterebbe mandargli questi negri e tutto sarebbe risolto. Comodo fare i froci col culo degli altri, IPOCRITI !

Lascia un commento