SeaWatch, Salvini: è atto ostile, clandestini in Olanda

Condividi!

L’Italia annuncia un “passo formale” con l’Olanda, dopo che la Sea Watch 3 ha deciso, nonostante i divieti, di entrare in acque territoriali italiane per far sbarcare a Lampedusa i 42 clandestini a bordo. La nave è di una Ong tedesca e batte bandiera olandese.

“La Farnesina conferma che, su indicazione del Ministro degli Esteri Enzo
Moavero, sono state date istruzioni all’Ambasciatore d’Italia all’Aja di fare, immediatamente, un passo formale presso il Governo dei Paesi Bassi”, riferisce una nota del ministero.




5 pensieri su “SeaWatch, Salvini: è atto ostile, clandestini in Olanda”

  1. No, caro Salvini, finiamola con queste mezze soluzioni.
    Arresta i pirati della Sea Watch ed i suoi clandestini vedi di riportarli in Libia fregandotene dei dictat europei.
    Li vogliamo in Libia, non in Olanda.

  2. Quanto scommettete che il tutto finirà a tarallucci e vino con grande soddisfazione di Soros e della sinistra?
    Vedrete, a quelli della Sea Watch faranno un buffetto e poi li lasceranno liberi, mentre per i clandestini verrà fatta la solita patetica redistribuzione tra paesi europei.
    La solita farsa insomma!
    L’Italia riporti SUBITO questi clandestini in Libia: solo così questi africani capiranno che non gli conviene spendere 3000 dollari per imbarcarsi e tentare la fortuna.

  3. Qui serve la nascita di una vera forza politica sovranista che ci porti fuori dalla gabbia europea e ci liberi dagli immigrati, irregolari e regolari!
    E non parlo di CP o FN, che si autoescludono dalla politica attiva con le loro superflue rivendicazioni nostalgiche.
    Ma non parlo neanche di Salvini, che pure ha avuto il merito di ridare un minimo di orgoglio a questa Nazione, ma nei fatti conclude poco e comunque non sarà mai davvero anti-immigrazionista, avendo come referente la piccola e media imprenditoria che sugli immigrati ci marcia.
    Nè parlo della Meloni, che è solo una marionetta di Berlusconi.
    Entro le prossime elezioni politiche dovrà essere pronta e rodata una formazione sovranista competente che si ponga come alternativa reale a questo sfascio.

    1. Sicuramente è così come Lei afferma, ma vede c’è da tener conto anche del fatto che la Lega, anche volendo, essendo in coalizione con il M5S – dove la componente sinistroide e immigrofila è molto robusta – ha le mani legate e deve per forza trovare delle mezze soluzioni, o di compromesso.

Lascia un commento