Fico traditore contro l’Italia: “Aprire i porti alla Sea Watch”

Condividi!

E poi arriva l’intervento del colf-lover Fico che è un assist ai trafficanti umanitari della Sea Watch. Quando il tuo Paese è in guerra, se ti schieri con il nemico sei un nemico. Sei un traditore. Fico è un nemico. E’ un traditore.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Non penso che chiudere i porti sia una soluzione di governo dell’immigrazione. Servono regole certe, criteri giusti, corresponsabilità europea. A Lampedusa arrivano 100 migranti mentre la Sea Watch è al largo. L’Italia è assolutamente in grado di gestire il salvataggio di quelle persone e la battaglia vera deve farla in Europa per la revisione del regolamento di Dublino. Bisogna far comprendere che la gestione dei migranti in mare, che devono essere salvati sempre senza se e senza ma, deve essere comune”.

Non capisce. E non sorprende. E’ come dire che siccome c’è un buco nello scafo da cui entra un rivolo d’acqua, allora tanto vale evitare di chiudere i boccaporti. Chiudere alle Ong ha ridotto gli sbarchi di oltre il 90 per cento rispetto ai tempi del Pd. Il fatto che continuino sbarchi che possono portare ad un livello di 5mila clandestini l’anno, significa solo che sarebbe il punto minimo dall’inizio del secolo.

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, dice di “chiudere il mare”? «Non siamo in una situazione di emergenza, le persone che arrivano sono gestibili in totale sicurezza. E l’Europa deve poi farsene carico. Deve farlo con l’Italia, con la Spagna, con la Grecia”.

No. La soluzione non è sparpagliarli per l’Europa per offrire domestici low-cost a quelli come Fico, ma riportarli in Africa.




Lascia un commento