“Tagliamo la gola agli italiani”, così i profughi si addestravano in Libia – VIDEO

Condividi!

Dicono che i profughi vengono perché fuggono dalla guerra. Appurato che non è così, visto che nessuno in Italia è arrivato da zone di guerra, è vero il contrario: la guerra ce la portano.

VERIFICA LA NOTIZIA

Come il richiedente asilo gambiano arrestato in un centro accoglienza di Napoli, dove lo mantenevamo da mesi. Faceva parte di un gruppo di clandestini approdato in Italia nel 2017, scaricato dalla solita nave delle Ong, e poi messo in un hotel gestito da una coop vicina al Pd.

Sillah Osman, ganbiano di 34 anni, dopo una lunga permanenza in Puglia, dove era stato ospitato in un centro accoglienza a spese dei contribuenti per la ricezione degli immigrati, era stato spostato a Napoli.

Membro di un gruppo legato ad Isis, era pronto a colpire in Italia e in Europa.
E’ l’ennesimo profugo che viene arrestato perché terrorista islamico. I media di fake news dicono: “non ci sono terroristi sui barconi”, bugiardi.

Prima di lui, sempre in zona, l’arresto di un altro richiedente asilo, suo complice, Alagie Touray: avevano il progetto di compiere un attentato in Italia o in Francia. Stando al primo arresto, quello di Alagie Touray, il piano era di schiacciare la folla con un’auto inpoazzita, sulla falsariga di quanto avvenuto in altri contesti europei.

Sia il gambiano che Alagie Touray erano addestrati all’uso di coltelli e armi esplosive, oltre all’uso delle auto come arieti.

Entrambi avevano partecipato ad un duro addestramento in Libia, in una zona desertica, e doveva compiere un attentato terroristico.

Avete letto bene: Isis addestrava i “profughi” ad uccidere italiani e poi li caricava sui barconi.

Poi i media scrivono che i terroristi non usano i barconi. Invece li usano, da anni. E ora i terroristi islamici sono tra noi: li chiamano richiedenti asilo.

Profugo doveva lanciarsi con l’auto sulla folla, arrestato in moschea

Touray girò e pubblicò su Telegram un video nel quale giurava fedeltà all’Isis e al califfo Al Baghdadi. Dalle indagini emerse che, sempre via Telegram, aveva ricevuto l’ordine di lanciarsi sulla folla con un’auto, come avvenuto Nizza.

Dalla Libia, sui barconi, per fare stragi.

Come dalla Libia era arrivato un altro richiedente asilo, iracheno, che arruolava i suoi colleghi profughi del Centro Sprar di Crotone, facendoli aderire allo Stato islamico. E li preparava a compiere atti terroristici contro l’Italia e a sgozzare gli ‘infedeli’, ecco uno dei video che riprendeva il profugo nel centro gestito dalla ‘ndrangheta mentre spiegava ai suoi come agire:

Insomma, i centri profughi altro non sono che caserme di ISIS in Italia. E i loro terroristi li manteniamo noi.

Sono questi che vogliono sbarcare dalla Sea Watch.




5 pensieri su ““Tagliamo la gola agli italiani”, così i profughi si addestravano in Libia – VIDEO”

  1. Putin & Trump & RIVLIN] everything is only for the glory of our God JHWH [because unfortunately OIC Erdogan Iran and Salman: they have the devil! ] return to God who largely forgives!
    AMEN to him our joy of life: in the deepest gratitude and for his immense glory and grace 🙏💞🙏😇 THANK YOU and holy day to all of you dear ones.
    Praise to you I have Xisto of Bethlehem Risen Jesus: born of the virgin Mary 🙏🙏🙏
    https://unitedwithisrael.org/watch-robert-kraft-donates-genesis-prize-and-more

    Putin & Trump & RIVLIN ] tutto sia soltanto per la Gloria di Dio nostro JHWH [ perché purtroppo OIC Erdogan Iran e Salman: loro hanno il demonio! ] tornate a Dio che largamente perdona!
    AMEN a LUI la nostra gioia di vita: nella più profonda gratitudine e per la SUA Immensa Gloria e grazia 🙏💞🙏😇 GRAZIE e Santa giornata a tutti voi 💙❤🙏 miei cari.
    Lode a te ho Xisto di Betlemme Risorto Gesù: nato dalla vergine Maria 🙏🙏🙏

  2. Isahiah62
    good- all crazy spammers should be blocked

    Lion Judah☦️@uniusrei7
    you should not humiliate yourself only because: original sin made you lose the infused science, and then, you have gravely sinned against the sixth commandment: and, in fact, you have never been forgiven of all your impure deeds!
    if, then, do you think you are too idota to understand something? I am anyway available to give you any more complete explanation: you should not be discouraged until you reach despair!

    non dovresti umiliare te stesso soltanto perché: il peccato originale ti ha fatto perdere la scienza infusa, e poi, tu hai gravemente peccato contro il sesto comandamento: e, infatti, tu non sei stato mai perdonato di tutti i tuoi atti impuri!
    se, poi, pensi di essere troppo idota per capire qualcosa? io sono comunque disponibile a darti ogni più esaustiva spiegazione: non dovresti scoraggiarti fino a giungere alla disperazione!

    Lorenzojhwh UniusREI
    Steve Alpert
    Jealous degenerate!

    Lion Judah☦️@uniusrei7

    yes my dear bro ] World Israel News: by Dracula RIVLIN loser lgbt Sodom FED IMF Rothschild Ja-Bull-On is very very DEGENERATE into CIA 322 UK Gomorra cult perversions facebook 55 Gender dictatorschip #sessoFluido Juncker!

    Lorenzojhwh UniusREI
    Steve Alpert
    Jealous loser!!

    Lion Judah☦️@uniusrei7

    who Putin stinker or Bin Salman KAPUT Allah uh akbar sharia ISIS death to all infidels Merkel Macron lgbt Dragonboll Juncker?

  3. “We cut the throats of Italians”, so the refugees trained in Libya – VIDEO. They say that refugees come because they flee the war. Established that this is not the case, given that no one in Italy has come from war zones, the opposite is true: ISIS Sharia is carrying the war: againt us poor slaves dhimmis for do happy Allah Lilith Iran Arab League sharia NAZI genocide UN OIC Riyad Erdogan.

    “Tagliamo la gola agli italiani”, così i profughi si addestravano in Libia – VIDEO. Dicono che i profughi vengono perché fuggono dalla guerra. Appurato che non è così, visto che nessuno in Italia è arrivato da zone di guerra, è vero il contrario: la guerra: OIC ONU Riyad Erdogan ce la portano ISIS sharia. https://voxnews.info/2019/06/25/tagliamo-la-gola-agli-italiani-cosi-i-profughi-si-addestravano-in-libia-video/

Lascia un commento