Ha scaricato in Italia 160mila clandestini e confessa il piano: “Aumentare popolazione immigrati”

Condividi!

Il giornalista di Radio Radicale ricorda le parole dell’uomo che ha traghettato in Italia oltre 160mila clandestini:

Come se fosse una voce autorevole, quella del più alto esempio di ‘scafista di Stato’.

Ricordiamolo:

Mare Nostrum: tartine e spumante a bordo – FOTO

Capo Mare Nostrum ci deve 15 milioni di euro

Le feste a spese nostre dell’ideatore di Mare Nostrum

L’uomo che ha ideato Mare Nostrum è indagato nell’affare PD-Petrolio

Non era, come tanti dei suoi, una pedina, ma uno consapevole nemico del popolo, impegnato nella sovversione demografica della società italiana.

C’è reato più grave di quello di alterare l’identità di un popolo attraverso l’immissione forzata di stranieri?

Quando, finalmente, una commissione di inchiesta che indaghi?




5 pensieri su “Ha scaricato in Italia 160mila clandestini e confessa il piano: “Aumentare popolazione immigrati””

  1. Questo non è uno stronzolo comune, questo è un traditore che ha preso fior di stecche dai francesi via Total per andare in culo alla sua presunta “Patria”. Questo deve essere uno dei primi cinque ad andare al muro.

  2. Se non fossimo convinti come siamo che tutte le prove e le disgrazie ce le manda Dio per punirci o per insegnarci la via della pazienza e della misericorsia, penseremmo come i nostri fratelli maggiori Ebrei, “dov’era Dio quando il PD scaricava in Italia centinaia di migliaia di Nigeriani giovani e senza arte nè parte buoni solo a spacciare o a battere?”. Ma non lo pensiamo.

    1. I miei fratelli maggiori erano forse gli abitanti del comune di Genova che gli ebrei li hanno espulsi nel 1515 e nel 1550.
      O forse un po’ prima quelli di Napoli (ebrei espulsi nel 1496, 1533, 1541).
      O altri 359 posti a scelta.
      Oppure addirittura i miei fratelli maggiori erano legionari di Tito e gli è scappato di dare fuoco ad un tempio a caso.
      Brutta famiglia.

Lascia un commento