Sea Watch minaccia il suicidio dei clandestini

Condividi!

La prezzemolina umanitaria annuncia l’intenzione dei clandestini di suicidarsi. E’ la fase della disperazione di chi capisce di essersi infilato in una situazione senza sbocchi:

Quelli di Sea Watch non sono molto intelligenti. In pratica confessano la finzione nel dirsi malati dei clandestini a bordo.

Non avevamo dubbi, visti i 10 ‘malati’ scesi giorni fa:

E non vogliono mollarsi a Tripoli perché li torturano, dicono:

Tripoli è zona di guerra:

A Tripoli è il ‘Piaggio Day’: tutti in Vespa

Come si vede, a Tripoli è in corso l’emergenza bagnanti, con l’inizio della stagione estiva:

Tripoli non è porto sicuro dice SeaWatch: ma spiagge affollate di bagnanti in vacanza

E poi, questi clandestini in Libia ci sono arrivati da Nigeria o da altri Paesi subsahariani, pagando migliaia di dollari, per sfruttare la confusione e imbarcarsi verso l’Italia: non è una vittima, è un criminale.

Quella dei trafficanti umanitari di Sea Watch è mera propaganda basata sul nulla:
Ricordiamo chi hanno a bordo a contare i soldi:

Secondo i trafficanti umanitari di Sea Watch, avremmo carcerieri che uccidono immigrati, ma lasciano ai clandestini i loro smartphone coi quali, casualmente, non hanno ripreso alcuna uccisione. Lasciano agli immigrati che torturano anche i soldi.

Carcerieri che, oltretutto, li mettono all’ingrasso:

Sea Watch, ecco le nigeriane torturate nei ristoranti libici – FOTO

Belli rilassati:

Crociera a bordo della Sea Watch, come se la spassano – FOTO

Questi fuggono dalla noia, altro che guerra, fame e torture che, tra l’altro, si sarebbero andati a cercare pagando migliaia di dollari per andare in Libia dalla Nigeria e dal Bangladesh ad imbarcarsi.

Già abbiamo fatto sbarcare questi energumeni:

Ecco i ‘malati’ sbarcati ieri dalla Sea Watch – VIDEO

Anche troppo.




3 pensieri su “Sea Watch minaccia il suicidio dei clandestini”

Lascia un commento