Profugo violenta bambina in casa famiglia: “Non sapevo fosse vietato”

Condividi!

Un richiedente asilo di nazionalità imprecisata, è accusato in Svezia di avere violentato una bambina insieme ad altri 5 profughi minori non accompagnati. Quelli che in Italia sono come la vacca sacra.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’immigrato, che asserisce di avere 17 anni, ma che secondo le autorità svedesi ne ha molti più di 20, si è difeso dicendo di non sapere che in Svezia fosse illegale fare sesso con bambine e che anche lui è un bambino. Questo nonostante la partecipazioni ad uno di quei corsi svedesi per profughi sul sesso.

Ora il tribunale deve decidere se condannare o meno l’immigrato e se espellerlo o meno.




2 pensieri su “Profugo violenta bambina in casa famiglia: “Non sapevo fosse vietato””

Lascia un commento