Branco islamico tenta violenza su 13enne italiana: mani ovunque

Condividi!

Violentano le ragazzine anche in una spiaggia affollata.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ accaduto nel lido barese “Pane e Pomodoro”, la vittima è una ragazzina italiana di soli 13 anni. Assalita in gruppo da un branco di pakistani, che dopo avere portato scompiglio in spiaggia, è entrato in acqua e l’ha presa di mira.

La bambina stava facendo il bagno quando è stata avvicinata dagli aggressori che l’hanno toccata ovunque mettendole le mani sotto il costume. La tredicenne ha reagito urlando, ma i pakistani hanno continuato a palpeggiarla contando sulla confusione.

Immigrati: “Molesta e aggredisci la donna bianca, usala come vuoi”

Solo l’intervento degli altri bagnanti resosi conto di quanto stava accadendo ha evitato qualcosa di peggio.

Scioccata, la ragazzina è corsa verso il padre e gli ha indicato uno dei pakistani che aveva abusato di lei.

Si trattava di un immigrato di 23 anni, del Pakistan, incensurato e con regolare permesso di soggiorno.

Presto attorno al violentatore si è radunato un capannello di gente. Minacce, urla, spintoni. Volevano, giustamente, linciarlo.

E lo avrebbero fatto. Se non fosse arrivato l’intempestivo intervento di una pattuglia della Sezione Volanti. Mentre i poliziotti cercavano di farsi largo e di riportare la calma, sono stati raggiunti dal genitore della tredicenne che li ha messi al corrente di quanto successo alla figlia.

Interrogato dagli agenti, il pakistano non ha voluto fornire informazioni sugli altri componenti del branco. E’ stato denunciato per violenza sessuale.

Si chiama Taarrush Gamea. E’ tipico dei paesi islamici: si circonda una donna in gruppo e la si violenta in pubblico. E’ quanto avvenuto a Colonia e in altri paesi (foto).




4 pensieri su “Branco islamico tenta violenza su 13enne italiana: mani ovunque”

  1. certo, bisogna fare come a suo tempo gli inglesi che, di fronte all’arrivo di tre milioni di cinesi, li bloccarono in una specie di fortilizio da cui potevano uscire solo per ritornare in Cina: nell’arco di tre anni la cittadella si svuotò e gli inglesi non ebbero altri problemi di nuovi arrivi

Lascia un commento