Mostrare il Crocifisso è un potente gesto politico: questa è casa nostra

Condividi!

La cosiddetta sinistra è tornata a polemizzare contro la giornalista Marina Nalesso per il crocifisso:

Giornalista non può indossare crocifisso in tv: “Turba i non cristiani”

Michele Serra ha criticato la scelta di Marina Nalesso di indossare il crocifisso (come già fatto in passato al Tg1), tenendolo in bella mostra, durante la conduzione di un’edizione del Tg2, ed è stato sommerso da accuse e dita puntate.

Nella sua rubrica L’Amaca sulle colonne di Repubblica, il giornalista Serra (il 17 giugno) ha scritto: “Ma almeno per ipocrisia, almeno per uno scrupolo formale, almeno per fare finta che, tra gli utenti pagatori di canone, ne esista qualcuno che preferirebbe evitare i simboli religiosi al collo di chi esercita una funzione pubblica, ovvero di tutti: non si potrebbe cortesemente evitare?”. E ha aggiunto: “In Francia condurre un telegiornale con un crocefisso al collo, a meno che non si tratti di un’emittente religiosa privata con preti e suore nel palinsesto, sarebbe inconcepibile; forse anche un reato, perché è vietato ostentare simboli religiosi nei luoghi pubblici”. E dunque concluso, attaccando il telegiornale della seconda rete: “Amici del Tg2, che ne direste di sospendere almeno per i pochi minuti della messa in onda la vostra fervente battaglia? Basta infilare il crocefisso sotto la camicetta, badando che non urti il microfono”.

Dicono, che dovrebbe essere più ‘sobria’. Lo dicevano anche i comunisti polacchi:

Dicono che essendo un simbolo religioso, deve rimanere privato.

Invece deve indossarlo. Perché è, prima di tutto, come è sempre stato nella storia, un gesto politico. La rivendicazione della propria identità sfidata dal fanatismo islamico e laicista: oggi saldati contro il nostro passato e il nostro futuro.

Semplice: non dobbiamo arrivare ad avere una conduttrice islamica.

Il crocifisso non è solo un simbolo religioso, ma fortemente politico. Ogni simbolo lo è. Perché segna un confine tra me e te, tra noi e voi: per questo sono contro i simboli, perché sono contro i confini.

Mostrare il crocifisso è come dire all’altro: questa è casa nostra.




2 pensieri su “Mostrare il Crocifisso è un potente gesto politico: questa è casa nostra”

  1. Ma i ‘laicisti’ hanno una minima idea di cosa sia l’islam?Perche’ a questo punto si puo’ credere all’idiozia della religione di pace solo se si vuole a ogni costo crederci.A dispetto delle prove evidenti sotto gli occhi di tutti.

Lascia un commento