Cina, inizia la mattanza dei cani: macellati in strada

Condividi!

Il festival della carne di cane di Yulin, città della Cina sud-orientale, giunge quest’anno alla sua decima edizione. Non sono bastate milioni di firme in tutto il mondo per mettere fine a quella che si annuncia come l’ennesima mattanza

Venditore maltratta cani per ‘obbligare’ animalisti a comprarli – VIDEO

Come ogni anno, anche quest’anno dobbiamo parlarvi – e con molta sofferenza interiore mostrarvi le immagini – del festival della carne di gatto e cane che si è inaugurato come da programma oggi a Yulin, Guangxi Zhuang, una regione nel sud della Cina. Durante il festival oltre 10.000 cani e gatti saranno macellati.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ma il commercio della carne di gatto e cane – finiscono anche nei ristoranti cinesi in Italia – dura tutto l’anno. Con 300 animali consumati ogni giorno.


Chine: la fête de la viande de chien débute… di 20Minutes

La Humane Society International anche quest’anno ha raccolto una serie di immagini strazianti. Molti sono cani e gatti rapiti:

Restaurateurs in a southern Chinese town of Yulin held an annual dog meat festival Monday despite international criticism of the event as cruel and unhygienic. As many as 10,000 dogs, many of them stolen pets, are slaughtered

Streed food: Traders at Yulin's meat market skins cats by putting their carcasses in a chemical solution

Dog lover Yang Xiaoyun buys a dog from a vendor, she traveled from her hometown, Tianjin, in northern China to Yulin and spent about 7,000 yuan ($1,150) over the weekend buying up 100 dogs at a market in a bid to save them

Cut short: A cat is seen sitting in a cage at Yulin meat market, photographer by animal rights organisation Humane Society International  on their visit last week

A vendor smokes behind a display of dog meat at a dog meat market on the day of local dog meat festival in Yulin

The animal rights organisation found that many of the dogs and cats kept at the slaughter houses and meat markets wore pet collars - evidence that they could be stolen pets

Heartbreaking: Dogs ready for slaughter are seen peeking out between the bars of their cages 

Slaughter ready; Traumatised dogs waiting to be killed are kept in holding pens, the floor awash with blood

Not just for the feast: Animal rights organisation HSI travelled to Yulin ahead of the dog meat festival,  and found shocking evidence of daily slaughter - all year around

Lies: To appease animal rights groups and pet-lovers across the globe, local authorities had said the slaughter had been confined to the festival, celebrated in June each year

Terrible conditions: Cats are crawling on top of each other as dozens are crammed into tiny cages

HSI witnessed animals being bludgeoned to death with metal rods in full view of their cage mates

Humane Society International sta portando avanti da anni la battaglia #StopYulin con una petizione online ( www.hsi.org/helpstopyulin ) che sarà sottoposta ai funzionari cinesi ai primi di giugno.

Ma dobbiamo fare pressione sui nostri governi. E’ inconcepibile che si commerci con una nazione che fa queste cose agli animali. E’ inconcepibile che nei trattati sul commercio mondiale – la Cina fa parte del WTO – non siano presenti clausole che impediscano di importare merci da paesi che fanno questo.

VERIFICA LA NOTIZIA

Qualcuno dirà che è la loro cultura. Ok. Ma la nostra è diversa. E allora, se vuoi venderci le tue merci, non massacri cani e gatti. Ma questo non è in accordo con i desiderata delle multinazionali che hanno i nostri politici a libro paga.

Altro che ‘via della seta’. Una lunga striscia di sangue.

Come i cinesi macellano i cani: fermiamo il massacro – VIDEO CHOC

Operazione Yulin: l’attivista italiano che salva i cani dai cinesi




8 pensieri su “Cina, inizia la mattanza dei cani: macellati in strada”

  1. Ognuno, nel suo paese fa ciò che vuole. Spiace per gli animali, ma è loro cultura. Se fosse così, dato che amo i bovini, vorrei che tutto il mondo smettesse di mangiarli, o le cavallette, o i cavalli, che altre culture rispettano, mentre noi li mangiamo. Quindi, ogni paese ha le sue usanze. Se vi sta bene è così, sennò fatevene una ragione. Gli Indiani in Italia mica ci impongono di non mangiare animali. Si adeguano

      1. I tuoi cani portatelo a letto, malato zoofilo. Anche io ho cani, però ho girato tanti paesi del mondo. Fallo anche tu. E ti accorgerai che dopo il Brennero, la Sicilia, Trieste e Mentone iniziano i continenti. Altri paesi o altre culture.

        1. Ti scrivo da Istanbul tanto per precisare, scusa se ti ho offeso ho scritto di getto, ma non riesco a giustificare chi fa queste cose agli animali e ai cani in particolare. per me costoro non sono umani, ma subumani. Scusa ancora, volemose bene.

    1. insomma, lontano dagli occhi lontano dal cuore? mi puzza di relativismo culturale però. e se anche non fossero fatti nostri le barbarie che praticano altre genti, lo diventano nel momento in cui tali genti si insediano da noi: anche quando non pretendono, si portano comunque dietro le loro usanze, e alcune non vorrei vederle praticate nel mio paese. quanto agli animali, sarebbe un discorso lungo che andrebbe affrontato, e posso convenire che ci sia dell’arbitrarietà nel considerare macellabili alcune specie ed altre no.

Lascia un commento