Merkel prova a rimandare in Italia 15mila immigrati: Salvini chiude aeroporti

Condividi!

Negli ultimi mesi, secondo i media tedeschi, il governo Merkel ha provato a rimandare in Italia circa 15mila richiedenti asilo sbarcati sulle nostre coste e poi andati in Germania. Ma Salvini non ha firmato l’accordo delirante che il governo precedente aveva già approvato, chiudendo di fatto gli aeroporti a quest’orda afroislamica: contenendo i ‘respingimenti’ a meno di 3mila.

La Merkel vuole rimandare in Italia circa 15mila clandestini che sbarcati in Italia sono stati registrati dai fuori di senno del PD e poi sono finiti in Germania. Sono i numeri aggiornati.

In realtà, poi, grazie a Salvini che non ha firmato l’accordo già preparato dal governo precedente (folli), sono riusciti a mandarne indietro meno di 3mila lo scorso anno su 12mila richieste:

Salvini non firma accordo, migliaia di clandestini ‘tedeschi’ rimangono in Germania

Questo perché i trattati sui cosiddetti ‘dublinanti’ non permettono di rimandarne indietro più di un certo numero a settimana.

Il governo precedente aveva quasi firmato un accordo per aumentare questo numero (in cambio di cosa?), poi è arrivato Salvini.

Ma, al di là di questo: perché Italia e Germania non si accordano per rimandarli da dove arrivano, invece di rimpallarseli? In Sierra Leone, ad esempio, non ci sono guerre.

Tornando al PD, qualcuno prima o poi dovrà indagare sul come mai questo partito abbia fatto di tutto per riempire l’Italia di immigrati: prima hanno firmato l’accordo che consentiva a tutte le navi straniere di scaricare la carne umana prelevata in tutto il Mediterraneo in Italia, poi avevano contrattato con la Germania di riprendersi le migliaia di immigrati che erano andati via. Solo la fame di arricchire le coop di partito, o qualcos’altro?

Vogliamo una commissione di inchiesta che indaghi sugli eventuali intrecci tra PD e mafie. Compresa quella nigeriana.




Lascia un commento