Attore schiaffeggiato da immigrati: “Ero a favore dell’integrazione”

Condividi!

Walter Melchionda, attore della fiction di Raitre “Un posto al sole“, l’altra mattina si trovava a Sicignano degli Alburni (Salerno) in attesa di un autobus che lo avrebbe portato a Napoli.

Mentre aspettava, è stato avvicinato da un gruppo di giovani immigrati che ha iniziato a deriderlo. Poi l’hanno schiaffeggiato, schernendolo con la frase “Quant’è bello ‘u dottore“. Perché si stanno integrando anche nel linguaggio, quindi sono come noi, no?

“Non ho fatto prevalere il mio istinto e non ho reagito altrimenti forse mi avrebbero massacrato di botte. E’ la prima volta che mi capita un’esperienza simile e davvero ho provato tanta paura. Non sono razzista, anzi, sono a favore dell’integrazione. Ma queste persone vanno appunto integrate e non rinchiuse nei ghetti. Inoltre credo che sia necessario verificare se tra loro ci siano delinquenti. Non oso immaginare se al mio posto ci fosse stata una ragazza ad attendere il pullman per andare a scuola“ ha poi scritto Melchionda sul proprio profilo social.

Noi abbiamo una terzo opzione: né ghetti né, tantomeno, farli uscire a fare danno, rimandarli a casa. E non farne entrare più.

Melchionda, non essere ‘razzista’ non ti risparmia dall’essere schiaffeggiato dagli immigrati. Anzi, forse è il contrario.




Un pensiero su “Attore schiaffeggiato da immigrati: “Ero a favore dell’integrazione””

Lascia un commento