Antifà pestano ‘fascista’, nessuno ne parla: parlano tutti dei ‘fascisti’ di Roma

Condividi!

Ieri sono accaduti due fatti che spiegano in modo perfettamente osceno la totale inadeguatezza del nostro panorama mediatico. Due vicende identiche con vittime e carnefici a parti invertite: con una differenza, nel caso che non ha fatto scalpore, i carnefici sono certi.

A Padove, un ragazzo è stato pestato da un gruppo di cosiddetti ‘antifascisti’ al grido “sei fascista”:

«Sei un fascista»: 34enne aggredito da cinque estremisti di sinistra

A Roma, un’aggressione identica a parti invertite. Solo che, nel primo caso la notizia è stata totalmente seppellita. Nel secondo, invece, si è scatenata la grancassa.

Quindi è dimostrato: i media dono strabici. Nascondono le vittime che non vogliono mostrare, mostrano quelle che convengono alla loro parte politica.

Addirittura, mentre della vittima di sinistra è stata diffusa una foto opportunity, nulla della vittima ‘fascista’, che poi si è scoperto nemmeno esserlo. Tanto che ci siamo dovuti inventare una foto!

In un mondo mediatico normale, le due vittime avrebbero avuto la stessa copertura mediatica: è la dimostrazione che i giornalisti italiani sono dei criminali politici senza alcuna vergogna.




2 pensieri su “Antifà pestano ‘fascista’, nessuno ne parla: parlano tutti dei ‘fascisti’ di Roma”

  1. Questo pero’ ha radici lontane:le vittime dei regimi comunisti da stalin a mao e pol pot sono costantemente meno ricordate delle altre vittime nella storia.Ultimamente si vede la stessa reticenza nei confronti delle vittime dell’islam.

Lascia un commento