Richiedente asilo violenta bambina: braccata per strada

Condividi!

I clandestini sbarcati in questi anni sono come mine anti-uomo disseminate sul territorio dal Pd. Non sai mai quando possono scoppiare: spesso, a differenza delle bombe, scoppiano più di una volta. Perché ci sono toghe che dopo il primo botto le rimettono sul terreno.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ il caso di un gambiano che ieri è stato fermato dopo avere tentato di stuprare una 13 enne. L’africano, arrestato per violenza sessuale, ha numerosi precedenti e il suo nome era giù conosciuto dalle forze dell’ordine.

Arrivato a Lampedusa il 3 novembre 2016, aveva subito fatto richiesta della protezione internazionale. Bastava chiedere e da clandestino ti trasformavi in ‘richiedente’.

L’ultimo reato l’ha commesso il 13 giugno, quando ha assalito la bambina mentre questa stava raggiungendo il papà per rientrare a casa. Erano circa le 19 quando l’immigrato l’ha braccata come una preda, per poi immobilizzarla.

L’immigrato ha iniziato a palpeggiarla fino all’arrivo del padre che la bambina aveva avvisato mentre ancora veniva inseguita dall’africano, subito fuggito.

Ieri pomeriggio una pattuglia ha notato un immigrato che assomigliava moltissimo alla descrizione del ricercato e ha proceduto a un controllo. Essendo senza documenti lo hanno subito portato in caserma dove il papà della ragazza, guardando diverse foto, lo ha riconosciuto.




Lascia un commento