SeaWatch, è atto terrorista, Salvini: “Usano immigrati come arma politica”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Sea Watch si rifiuta di riportare i clandestini a Tripoli, porto sicuro indicato dalle autorità competenti:

Sea Watch rifiuta sbarco a Tripoli e punta Lampedusa: minaccia l’Italia

Asserendo che “non sbarcherà i naufraghi in Libia. Tripoli non è un porto sicuro. Riportare coattivamente le persone soccorse in un Paese in guerra, farle imprigionare e torturare, è un crimine. È vergognoso che l’Italia promuova queste atrocità e che i governi Ue ne siano complici”. Così la Ong Sea Watch in un delirante tweet.

Tripoli è porto sicuro per l’Onu. Non esistono lager in Libia. None esiste la guerra, infatti nessun libico sale sui barconi in fuga da una guerra che non c’è.

“SeaWatch non vuole portarli in Libia? Allora spieghi perché ha chiesto a Tripoli un porto sicuro. E perché, dopo la risposta positiva, ha atteso per ore davanti alla costa africana. Aveva il via libera allo sbarco, l’atteggiamento della SeaWatch sembra un vero e proprio sequestro di persona per motivi politici. Polemizza col Viminale sulla pelle degli immigrati”, attacca il ministro dell’Interno.

Siamo in presenza di terroristi umanitari che usano i clandestini come bombe. Questi contano su Patronaggio. Vogliono ripetere la stessa scenetta dell’ultima volta: penetrare le acque nei pressi di Lampedusa, che cade nella giurisdizione della toga rossa, e poi scatterebbe il solito trucco del sequestro probatorio di qualche giorno.

A Patronaggio non inviate pallottole, inviate mail di protesta. Non lo vogliamo martire, vogliamo che qualche magistrato onesto indaghi sul perché ripeta coattivamente gli stessi sequestri burla permettendo così lo sbarco dei clandestini e poi dissequestri le navi pur sapendo che con quelle verrà reiterato lo stesso reato su cui ‘indaga’! C’è del marcio ad Agrigento.

Perché quello che è accaduto ha tutti i crismi di un atto illegale. Un magistrato di estrema sinistra che ordina lo sbarco, col solito trucco del sequestro probatorio e poi scatta il dissequestro, nonostante l’atto politico di chi è stato eletto dagli italiani di chiudere i porti.

La sinistra vuole governare attraverso le toghe rosse.

A questo punto la domanda è: Patronaggio potrebbe essere indagato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina? Visto che l’effetto del suo provvedimento è avere garantito lo sbarco dei clandestini con un sequestro a tempo e la reiterazione del reato da parte di Sea Watch?

La sinistra vuole governare attraverso le toghe rosse.




Lascia un commento